Liguria, Demanio e Bolkestein: domani incontro al MEF con sottosegretario Baretta

 “No alle gare tout –court per aggiudicarsi spiagge e stabilimenti balneari, Gabriele Cascino 02l’applicazione della Bolkestein, per il comparto, comporterebbe aste selvagge, in moti casi, con i vincitori che passerebbero gli anni della concessione a pagare i debiti contratti per vincere. No, occorre uno strumento legislativo che riordini il comparto demaniale e faccia uscire dalla Bolkestein la parte turistica e balneare, il percorso è cominciato”.
All’indomani dall’incontro con gli Stati generali dei balneari, in serata, alla Camera di Commercio di Imperia, Gabriele Cascino, assessore al Demanio della Regione Liguria è fiducioso.

L’assemblea pubblica era stata convocata per ascoltare le proposte dei rappresentanti della categoria in vista dell’incontro che l’assessore della Regione Liguria, capofila del comparto nella Conferenza delle Regioni, avrà domani a Roma, al Ministero dell’Economia e Finanze, in via XX Settembre, alle 15, con il sottosegretario con delega al Demanio Pier Paolo Baretta.

Cascino, con il sottosegretario Baretta, avvierà un confronto delle regioni italiane sulla bozza di legge-quadro del governo, “non solo per superare la Bolkestein, che nel 2020 imporrà l’asta delle concessioni, ma per avviare rapidamente una vera e propria riforma dell’intero sistema dei canoni demaniali, un passaggio, credo, che si annuncia epocale, condiviso con le Regioni e con i Comuni alle prese molto spessi con burocrazia e complessi problemi demaniali”, spiega Cascino.