Savona, “Buoni vicini non si nasce… si diventa”: si inaugura il “Punto di ascolto” in piazza Bologna

Il Comune di Savona è capofila del progetto “Buoni vicini non si nasce… si Buoni vicinidiventa. Dal conflitto al dialogo di buon vicinato” finanziato dal ministero dell’Interno con risorse della Comunità Europea – Fondo per l’Integrazione dei Citadini dei Paesi Terzi.
Il progetto è promosso dal Comune di Savona (capofila) insieme ai due attori principali che si occupano della domanda abitativa sociale sul territorio: la Fondazione Diocesana ComunitàServizi ONLUS che ha in gestione l’Agenzia sociale per la casa e ARTE Savona, l’Agenzia regionale territoriale per l’edilizia.

Obiettivo del progetto è favorire l’integrazione e la convivenza fra gli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica attraverso l’attivazione di una serie di azioni orientate alla prevenzione e alla risoluzione dei conflitti (mediazione sociale) e alla pianificazione di progetti operativi volti a diffondere una cultura di convivenza sostenibile (mediazione culturale).

Il progetto è stato avviato il 15 luglio 2014 e si concluderà a giugno 2015.
Tra le inziative previste, oltre ad una ricerca sociologica finalizzata ad individuare le aree territoriali a maggiore conflittualità sociale e le caratteristiche del conflitto, ad un cliclo di seminari rivolti a tutti gli attori attivi nel settore abitiativo che si trovano a gestire situazioni di conflitto (operatori ARTE, capiscala, amministratori di condominio, forsae dell’ordine, ecc.), l’attivazione di un servizio di mediazione sociale metterà in atto diverse azioni per vivere meglio i rapporti di vicinato, diffondendo la conoscenza tra i condomini e la cultura del “prendersi cura” della propria casa e dei propri vicini, favorendo processi di partecipazione attiva.

Con questa finalità viene inaugurato oggi, mercoledì 17 dicembre, presso i Giardinetti di piazza Bologna il “Punto di ascolto” per migliorare la qualità dell’abitare, per supportare i cittadini nel trovare soluzioni a piccoli e grandi problemi tra vicini di casa, per promuovere iniziative di cittadinanza attiva. Per l’occasione viene organizzata una merenda di Natale per gli abitanti di Villapiana.