Pronti per Su la Testa?

 – di Alfredo Sgarlato. Il festival Su la Testa, una delle molte eccellenze culturali che Albenga porta avanti nonostante i tempi di crisi, giunge alla nona edizione. Come in ogni edizione il cast artistico è di ottimo livello: è ovvio che l’interesse del pubblico vada soprattutto a Fabio Treves, bluesman di alto livello e showman trascinante, unico italiano ad aver suonato con Frank Zappa, o a Claudio Lolli, monumento della canzone d’autore che ci ha regalato alcuni capolavori.

Ma, come già nelle scorse edizioni, accanto a questi due grandissimi ci saranno molti nomi da scoprire. Il pubblico presente nelle edizioni precedenti non vedrà l’ora di riascoltare John Pointer, funambolo della chitarra, stavolta accompagnato da un altro virtuoso, Rodney Branigan.

Un musicista che se non farà il botto vuol dire che il mondo è veramente brutto e cattivo è Davide Di Rosolini, autore di canzoni dalla melodia che colpisce subito e dai testi ironici e profondi. su laNon meno interessante Stefano Vergani, altro cantautore raffinato e pungente. Mi incuriosisce molto Roberta Carrieri, ex cantante dei Fiamma Fiumana, di cui vidi a Balla Coi Cinghiali l’ultimo, indimenticabile, concerto. Molti altri giovani talenti, Cassandra Raffaele, Naif Herin, Alberto Bertoli, Daniele Ronda, Tinturia, tutti personaggi che vi conquisteranno. Ma diamo una citazione particolare per il musicista selezionato dal Contest, Samuele Puppo, sedicenne savonese con una voce e una tecnica chitarristica da far impallidire un anziano bluesman del Delta. Tre serate imperdibili quindi, e non dimenticate che al pomeriggio, alle 17,30 presso Palazzo Scotto Nicolari, i musicisti incontreranno il pubblico, intervistati da Alberto “Il Cala” Calandriello e dal sottoscritto.