Obbligo di reperibilità infermieri Asl 2 savonese: discussa in Regione interrogazione Melgrati

Marco Melgrati (FI) ha presentato oggi in Consiglio regionale  Palazzo Regione Liguria scritta  fp1 x00un’interrogazione sulle regole di reperibilità degli infermieri. Il consigliere ha ricordato che sono state convocate alcune assemblee sindacali a Cairo Montenotte, all’ospedale di Albenga, a Pietra Ligure e a Savona in orario lavorativo, per discutere sulla possibile reperibilità degli infermieri. Melgrati ha rilevato che il contratto nazionale per la categoria infermieristica non prevede il servizio di Pronta Disponibilità in ogni reparto, ma è previsto solo per sale operatorie e strutture di emergenza.

Tale reperibilità, che vale per i poli ospedalieri di Pietra Ligure ed Albenga, Savona e Cairo Montenotte, dovrebbe essere operativa dalle 7 del mattino alle 19 di sera, dal lunedì al venerdì, mentre sabato e domenica è previsto su tutto l’arco delle 24 ore, per i trasporti e per i picchi di attività del Punto di Primo intervento (nel caso di Albenga e Cairo Montenotte).

«È incredibile che in un momento in cui si chiede la reperibilità del personale, illegittima secondo il Contratto di lavoro, – ha dichiarato il consigliere – non si pensi ad assumere personale con le graduatorie aperte nei concorsi dell’Asl savonese e, invece, si assuma lo stesso personale con queste graduatorie a Genova, causando a queste persone il disagio logistico con l’applicazione di un concetto accentratore e clientelare che potremo chiamare verosimilmente “Genovacentrico” ben conosciuto». Melgrati ha chiesto, infine, alla giunta come sia possibile che la dirigenza dell’Asl 2 non rispetti il Contratto di lavoro e come sia possibile che le liste di un concorso di infermieri bandito dalla Asl2 possa comportare chiamate di questi infermieri presso le Asl di altre province liguri, in particolare l’Asl 3 genovese, «costringendo ad un pendolarismo e ad un disagio dalla provincia di Savona verso quella di Genova».

Per la Giunta ha risposto l’assessore alla salute Claudio Montaldo il quale hachiarito che la convocazione delle assemblee avviene sulla base delle disposizioni contrattuali: l’azienda può concordare il luogo, ma non l’orario e l’argomento che sono prerogativa sindacale. Il Contratto nazionale collettivo di lavoro stabilisce che l’istituto di pronta disponibilità prevede l’obbligo per il dipendente di raggiungere la struttura nel tempo previsto. Sono tenuti a svolgerlo solo i dipendenti delle unità operative con attività continua.

Eventuali ulteriori situazioni saranno valutate dalle aziende in base alle proprie esigenze organizzative. Tuttavia, quando l’Asl 2 ha presentato il piano della pronta disponibilità, nonostante l’attivazione della concertazione (riunioni del 16 aprile, 9 maggio e 15 maggio, proposta di soluzioni alternative e richiesta di proposte ai sindacati, tentativo di sperimentazione di 3 mesi), non è stato possibile raggiungere una condivisione tra le parti. Lo scorso 30 maggio – ha spiegato l’assessore – è stata siglata una dichiarazione di intenti con i sindacati stessi, per trovare una diversa soluzione.

Nella riunione del 12 giugno l’azienda ha dichiarato di voler cercare personale che si rendesse volontariamente disponibile alla copertura di questo servizio. Per quanto riguarda l’utilizzo da parte di altre Asl liguri delle graduatorie di concorso per infermieri espletato dall’Asl 2, la Regione Liguria, adeguandosi alla nota del dipartimento Salute e servizi sociali (PG/2014/59476 del 20 marzo 2014), «ha stabilito l’obbligo per tutte le aziende di ricorrere in primis all’utilizzo condiviso di graduatorie concorsuali nell’ambito del servizio sanitario regionale. La priorità è per questa modalità rispetto all’indizione di nuovi concorsi».

Melgrati ha commentato: «Non ho ricevuto risposte esaustive. Credo sia inaccettabile pensare di trasferire personale qualificato, necessario nel territorio di residenza e competenza, su altre realtà e mi riferisco a trasferimenti presso le strutture sanitarie genovesi, lasciando di fatto quasi scoperti interi servizi».