Ad Alassio il battello per la pulizia del mare interviene anche su chiamata

È operativo ad Alassio il battello per la pulizia del mare: il servizio, attivo Balenodal martedì alla domenica, dalle 9 alle 17 del pomeriggio, proseguirà fino a fine agosto, con la possibilità di attivazione a chiamata: “Il mezzo, un catamarano di 8 metri – dichiara l’assessore all’Ambiente, Angelo Vinai -, fa servizio lungo l’intera baia e provvede a alla raccolta dei rifiuti sulla linea di galleggiamento, plastica e legname, anzitutto. Ma il Comune ha avvisato l’Associazione dei bagni marini della possibilità di richiedere l’intervento del battello presso gli stabilimenti che registrino problemi, esattamente come si può fare sulla terraferma con il servizio di raccolta rifiuti”.


Trova il regalo perfetto in Amazon
Nuovo anno, nuovi regali! Tante idee e tante promozioni

In sintesi i bagni marini che verificano la presenza di rifiuti nello specchio d’acqua di competenza possono contattare l’Ufficio Ambiente del Comune, richiedendo un intervento. Il battello, di proprietà della società Transmare Savona, agisce sulla linea dei 200 metri dalla riva, ma, su chiamata e in seguito all’allontanamento momentaneo dei bagnanti, può operare anche in prossimità della riva. Dotato di un nastro rotante che viene abbassato a pelo d’acqua, raccoglie infatti i rifiuti e i materiali stoccandoli in un apposito contenitore.

“Purtroppo – spiega l’assessore – le condizioni meteo degli ultimi giorni non hanno favorito la gestione in continuità del servizio che può essere effettuato solo in presenza di acque calme, ma complessivamente la novità si sta rivelando un valido aiuto, finalizzato al mantenimento del nostro mare pulito”. “Muove nella stessa direzione e si può dire ben avviato anche il servizio di gestione e controllo dei bagni pubblici cittadini, affidato alla cooperativa “Il Miglio Verde” – dice ancora Vinai –. Su questo fronte abbiamo, purtroppo, registrato un episodio grave: nella notte di sabato 19 luglio dei vandali hanno danneggiato la struttura che si trova nei pressi dei giardini di Padre Pio, lungo l’Aurelia. Un gesto inqualificabile, rivolto ad una proprietà pubblica”. Per evitare il verificarsi di episodi analoghi, i bagni pubblici cittadini saranno presidiati per l’intero periodo estivo da quattro operatori che provvederanno anche alla frequente pulizia e manutenzione delle strutture.