Liguria: riconoscimento ai Carabinieri per la tutela e valorizzazione dei beni culturali sottomarini

La Regione Liguria ha assegnato un riconoscimento alla Compagnia dei Angelo Berlangieri microfoni 01carabinieri di Alassio, al Nucleo di Tutela del Patrimonio Culturale e al Centro Carabinieri Subacquei di Genova per la difesa e la valorizzazione dei beni archeologici e culturali della Liguria.

L’iniziava è legata alla recente conclusione dell’operazione “Nemo”, condotta dal Comando dei Carabinieri di Alassio nelle province di Savona, Imperia,Bologna e Torino che ha portato a individuare sette siti archeologici sottomarini sconosciuti, importantissimi per lo studio e la ricerca storico-scientifica dei traffici marittimi del mediterraneo in epoca romana, medievale e post-medievale e a scoprire tre navi romane (Imperia, Alassio e Portobello in Sardegna), un’ancora medievale, un’ancora post medievale, un ceppo d’ancora romano in piombo del I-II sec. a.C. e un cannone di galeone riferito a relitto di epoca medievale, di assoluto valore storico artistico.

Per l’attività svolta, che ha coinvolto 33 persone indagate , con un arresto, e per gli importanti risultati ottenuti nel campo della tutela del patrimonio storico culturale e nel campo della ricerca storica, l’assessore alla Cultura e al Turismo Angelo Berlangieri ha consegnato una targa al vice comandante della Legione Carabinieri “Liguria” colonnello LeonardoGiangreco, presente alla cerimonia con il comandante provinciale dei Carabinieri di Genova colonnello Paolo Aceti, Il capitano Francesco Ercolani comandante della Compagnia di Alassio , il capitano Salvatore Lutzu, del Nucleo di Tutela del Patrimonio Culturale.