Savona: in Giunta il punto sul Crescent 2

Nel corso della seduta odierna di Giunta è stato presentato a Savona il Crescent 2 MastPprogetto, elaborato da Orsa 2000, in merito all’edificio costituente il “comparto 2” dello Strumento Urbanistico Attuativo (SUA) di iniziativa privata denominato “Complesso del Crescent” unitamente alle circostanti opere di urbanizzazione che completano la sistemazione delle aree comprese tra la nuova strada urbana di accesso all’area della vecchia darsena e il Priamar.

RobertoMichels

Sottolinea il Vicesindaco Livio Di Tullio: “Premetto che se il Crescent 2 non fosse stato deciso ed autorizzato nel 1992, sia io che il Sindaco ne avremmo fatto volentieri a meno: oggi ci troviamo di fronte al progetto di una costruzione autorizzata di un immobile. Visto che la riduzione volumetrica del 20% non è servita a trovare una condivisione politica in sede di maggioranza, allora è prevalsa la decisione di aumentare al massimo la ricaduta sulla città. Noi riteniamo che sia meglio per la città risistemare e riaprire l’ostello della gioventù prima possibile e fare un ampio ripensamento sull’area in generale, attraverso uno studio dei percorsi, spazi verdi alberati e a parco, collegamenti pedonali con Corso Mazzini, all’interno del quale ci deve essere anche il soddisfacimento di una richiesta del Consiglio Comunale di recuperare il fossato attorno all’Ostello. Con le nostre controproposte che abbiamo discusso questa mattina in Giunta, secondo un mio calcolo, parliamo, oltre ai 250.000 euro di oneri di costruzione, di oneri scomputabili di oltre 3.500.000 € per la città, rispetto ai 697.000 € che avremmo avuto nell’ipotesi dell’RTA”.

Questo il parere espresso dalla Giunta in merito al progetto presentato: “Con riferimento alla nuova proposta presentata dalla Società Orsa 2000, la Giunta comunale esprime, in linea generale, gradimento per la proposta di sistemazione degli spazi pubblici”. In merito alle modifiche apportate al progetto, la Giunta precisa quanto segue: “la mancata riduzione volumetrica del 20% dovrà essere compensata dalla complessiva esecuzione, a cura e spese del Soggetto Attuatore, dell’intervento di recupero funzionale dell’Ostello sul Priamar nella sua totalità; la rinuncia al parcheggio pubblico di fronte al mercato civico per la realizzazione di un’ampia area a parco urbano è condizionata alla preventiva ridefinizione delle modalità e delle garanzie in merito all’utilizzo pubblico a rotazione del parcheggio dell’Arsenale sia con riferimento agli abbonamenti che alle tariffe della sosta a rotazione; le modalità di soddisfacimento delle dotazioni in tema di edilizia sociale mediante reperimento di alloggi da cedere al Comune saranno valutate unitamente all’Assessorato competente e saranno oggetto di un successivo documento”.

In ordine alla molteplicità degli aspetti connessi alla tutela paesaggistica e monumentale, la Giunta Comunale raccomanda che la soluzione che costituirà corredo all’Accordo di Pianificazione sia preventivamente valutata con la competente Soprintendenza che dovrà condividere le linee generali di impostazione del progetto proposto quale adeguamento alle raccomandazioni espresse in sede di conferenza di servizi preliminare. “A tal fine, costituisce requisito indispensabile la rappresentazione realistica dei rendering di progetto che dovranno rappresentare fedelmente i contenuti della proposta progettuale”.

* Presentazione Crescent 2 nella seduta di Giunta dell’1 aprile 2014

Ultima revisione articolo: