Loano, in arrivo mangime “medicato” per ridurre il numero di piccioni in città

L’amministrazione comunale di Loano ha deciso di intraprendere alcune iniziative volte a ridurre il numero di piccioni sul territorio comunale.

Pubblicità

Al momento in città sono presenti cinque colonie: una nella zona del convento degli agostiniani e composta da 80/100 volatili; una nei pressi di Palazzo Doria e composta da circa 30 individui; una presso, composta da circa 30 individui, situata nei giardini di viale della Libertà e tra Campo Cadorna e via Boragine; una sul lungomare presso largo Carrara e composta da circa 40 animali; una in via Marco Polo.

“La soglia oltre la quale si manifestano problemi di stress ambientale è di 300 colombi per chilometro quadrato – fanno notare il sindaco di Loano Luca Lettieri e l’assessore all’ambiente Remo Zaccaria – Al momento questa soglia non è stata ancora raggiunta, ma le colonie che si trovano in punti ad alta attività antropica possono comunque creare problemi. Oltre ad imbrattare le aree pubbliche e gli edifici, infatti, il guano prodotto dai volatili può causare l’insorgenza di problematiche igienico-sanitarie”.

Pubblicità

Un operatore incaricato dal Comune, dunque, procederà con la distribuzione di mais medicato, che ha un duplice effetto: da un lato riduce il numero dei volatili in quanto le uova non vengono fecondate; dall’altro i volatili collegano la mancata riproduzione al luogo in cui nidificano e di conseguenza tendono a cambiare territorio.

“Ma sarà anche necessario limitare, per quanto possibile, la dispersione di cibo sul territorio soprattutto nei luoghi ad elevata frequentazione turistica – aggiungono Lettieri e Zaccaria – Va ricordato che il regolamento di Polizia Urbana vieta ‘il foraggiamento degli animali in luoghi pubblici, aperti al pubblico o, comunque, di pubblico transito’ e che le violazioni comportano una sanzione pari a 50 euro”.