Albenga, Pollio: “le nuove campane per differenziata per il momento non verranno chiuse a chiave”

Raccolta differenziata ad Albenga

Albenga | SAT in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Albenga sta procedendo ad attivare le nuove campane per la raccolta differenziata e ad eliminare i vecchi bidoni, liberando in questo modo parcheggi e garantendo il decoro e la pulizia della città.

L’assessore all’Ambiente Gianni Pollio, “nel ringraziare l’ufficio ambiente per la collaborazione e la SAT”, afferma: “Voglio rassicurare i miei concittadini che per il momento, e fino al termine dell’emergenza legata al Coronavirus, le nuove campane rimarranno aperte e accessibili anche a coloro che non hanno ancora ritirato le chiavi. I condomini che hanno i bidoni interni, per il momento possono usare sia quelli (fino al loro ritiro) che le nuove campane.”

Per contenere il contagio da Covid-19 è stato momentanemente chiuso l’ufficio di distribuzione del materiale e delle chiavi per la differenziata sito presso il palazzo Ester Siccardi. Per le stesse motivazioni è stata sospesa temporaneamente l’apertura dei centri raccolta rifiuti e il servizio di stazione ecologiche sul territorio per il ritiro dei rifiuti ingombranti. Conclude l’assessore Pollio: “Ci affidiamo al senso civico ed alla collaborazione di tutti i cittadini albenganesi. In questo momento è importante che ognuno di noi faccia la sua parte e che le indicazioni provenienti dai canali ufficiali vengano rispettate”.

Raccogliere e gettare rifiuti domestici
UTILITÀ
Coronavirus, ma io sono malato? Cosa fare in caso di dubbi
Coronavirus: Far fronte allo stress durante l’epidemia di Covid-19 (e dare supporto ai bambini)
Coronavirus: cosa fare se si è costretti all’isolamento?
Numero verde regionale 800 593235 a disposizione delle persone anziane fragili per la consegna dei farmaci o della spesa a domicilio
Emergenza coronavirus: le buone norme igieniche quotidiane per la prevenzione
Coronavirus e animali d’affezione, che cosa si può fare e che cosa no
Emergenza coronavirus: cosa resta aperto e chi deve chiudere