L’influenza spagnola 1918-1919: uno sguardo infermieristico da Savona

Savona. Sabato 9 febbraio alle 15 nella Sala Rossa del Comune di Savona, incontro su “L’influenza spagnola 1918-1919. Uno sguardo infermieristico da Savona”, tenuto da Marisa Siccardi, savonese, già direttrice del Corso di laurea in infermieristica del polo universitario
di La Spezia.

Iniziata forse nel 1917, esplode nel 1918 una terribile pandemia il cui numero di morti non è mai stato accertato. Alcune fonti lo stimano sopra i 50 milioni, mentre un terzo della popolazione mondiale ne fu contagiato. Per l’Italia i morti si stimano tra i 500.000 ed il milione (quindi ben superiore a quello del primo conflitto mondiale). Probabilmente portato in Europa dalla truppe americane, deve il nome di “influenza spagnola” al fatto che la Spagna era uno dei pochi paesi non belligeranti, e quindi privo di censura: pertanto i giornali raccontavano quotidianamente il diffondersi di questa nuova peste. L’influenza non risparmiò nessuno, potenti e poveracci, artisti affermati o ancora sconosciuti.

L’incontro fa parte del ciclo “Leggere la Grande Guerra”, organizzato dalla Biblioteca civica Barrili, iniziato nell’autunno del 2014 e giunto ormai al suo diciassettesimo appuntamento.