Liguria, agevolazioni per cacciatori

Il Consiglio regionale con 20 voti a favore (maggioranza di centro destra, Ferrando, Garibaldi, Michelucci del Pd e Boitano di Liguri con Paita), 6 contrari (Mov5Stelle e Rossetti del Pd) e 3 astenuti (Barbagallo, De Vincenzi, Lunardon del Pd) ha approvato oggi il disegno di legge 189 “Norme regionali per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo venatorio”. Il provvedimento esenta i neo cacciatori dal pagamento della tassa di concessione regionale per l’abilitazione venatoria esclusivamente per il primo anno di esercizio della caccia successivo al rilascio dell’abilitazione, abilitazione conseguita a seguito di esami pubblici.

offerteibslibri

Valter Ferrando (Pd) si è dichiarato d’accordo con il provvedimento sottolineando l’importanza che le risorse derivanti dalla tassa non siano distratti su altri capitoli di spesa e che il finanziamento per il Piano faunistico venatorio regionale non attinga dal fondo degli Ambiti territoriali di caccia.

L’assessore all’agricoltura Stefano Mai ha spiegato che il disegno di legge rappresenta una prima risposta al territorio poiché argina la perdita di cacciatori, che tutelano i boschi e la biodiversità e tendono a ristabilire un equilibrio ambientale, che – ha detto – si è perso da anni creando notevoli problemi.

Marco De Ferrari (Mov5Stelle) ha ribadito che, come hanno dichiarato dalle associazioni ambientaliste, il provvedimento è illegittimo perché contrasta con le norme nazionali in materia di tassazione. Il consigliere, inoltre, ha rilevato che la legge sottrarrà fondi al risarcimento dei danni provocati dalla fauna selvatica alle coltivazioni.

Ultima revisione articolo: