Rischi alluvionali, 10 milioni per gli impianti di autoprotezione; Costi (Confartigianato): “Ora interventi paralleli e diffusi di messa in sicurezza del territorio”

«A distanza di meno di sei mesi dagli ultimi eventi alluvionali, 1.620 Luca Costi Confartigianato Liguriaimprese liguri hanno ricevuto risorse per 25,5 milioni di euro e oggi è stato approvato un ulteriore bando da 10 milioni di euro per le imprese di tutto il territorio regionale che vogliono installare sistemi di auto sicurezza». Lanciando l’hashtag #impegnomantenuto, Luca Costi, segretario regionale di Confartigianato Liguria, commenta così la notizia dell’approvazione, da parte della giunta regionale su proposta dell’assessore allo Sviluppo economico Renzo Guccinelli, del bando per l’installazione di impianti tecnologici per la prevenzione dei rischi alluvionali.

«Subito dopo le calamità che hanno colpito la nostra regione – spiega Costi – nei momenti in cui la rabbia delle imprese colpite sfociava nella protesta, ci siamo confrontati con l’assessore Guccinelli e abbiamo chiesto di trovare le risorse per due azioni: la prima, più urgente, necessaria a rimborsare le imprese per i danni subiti. La seconda, da attuare comunque con tempestività e prima del successivo autunno, per aiutare le imprese a prevenire gli eventi alluvionali con contributi per misure di “autoprotezione”. Le nostre richieste, insieme alla costante disponibilità dell’assessore Guccinelli, hanno consentito di raggiungere questi risultati. Ora servono azioni, inevitabilmente più lunghe, di messa in sicurezza del territorio e di ricollocazione delle imprese in aree a rischio».

Destinatari del bando che si aprirà il prossimo 29 aprile saranno le micro, piccole e medie imprese del territorio: sia quelle che hanno subito danni nelle precedenti alluvioni, sia quelle che sono rimaste immuni dalle recenti calamità. La misura delle agevolazioni dal 50% all’ 80% sarà maggiore per quelle imprese che hanno subito danni in più alluvioni e l’importo complessivo dell’investimento dovrà essere compreso tra i 5 e i 20 mila euro.