In Liguria l’assistenza dell’Agenzia delle Entrate viaggia sul web: meno code e più servizi online

Cresce l’offerta dei servizi online e diminuisce il pubblico agli sportelli. computer penna foglio mano xG00Questo il bilancio del primo semestre 2014, durante il quale il dialogo con l’Amministrazione fiscale si è sviluppato sempre di più attraverso il canale telematico, con un notevole vantaggio per i contribuenti, che hanno utilizzato i servizi offerti dall’Agenzia senza doversi recare presso gli uffici territoriali. L’afflusso di pubblico presso gli sportelli è infatti passato dai 240mila dei primi sei mesi del 2013 ai 210mila dello stesso periodo dell’anno in corso.

Civis, il canale per le comunicazioni di irregolarità – I contribuenti liguri dimostrano di apprezzare particolarmente Civis, che permette di ricevere assistenza online su comunicazioni di irregolarità e cartelle esattoriali.

Nel primo semestre 2014, infatti, sono state inviate oltre 14.000 richieste tramite il canale, con un incremento del 40% rispetto all’anno precedente. Il 98,39% delle richieste ha avuto risposta entro tre giorni lavorativi.

RLI per registrare i contratti di locazione – Buono il debutto del nuovo software RLI per la registrazione online dei contratti di locazione, entrato in vigore dal 1° aprile. Il servizio consente di registrare i contratti di affitto di immobili, comunicare proroghe, cessioni o risoluzioni ed esercitare l’opzione o la revoca della “cedolare secca”. Permette, inoltre, il pagamento tramite addebito diretto sul conto corrente delle somme dovute. La quota di contratti di locazione registrati con RLI è progressivamente cresciuta, fino a superare il 40% negli ultimi mesi, con punte anche superiori al 50% per Savona ed Imperia.

Per incentivare ancora di più l’utilizzo dei servizi telematici, l’Agenzia delle entrate ha in programma una serie di iniziative, in particolare per favorire la registrazione online dei contratti di locazione. “Distribuiremo delle brochure, contatteremo i cittadini via telefono o email per spiegare come evitare la coda in ufficio, parteciperemo a incontri presso le associazioni – spiega il direttore regionale Alberta De Sensi – il tutto per evitare disagi ai contribuenti e rendere più efficienti i nostri servizi”.