SPIEF 2019: Toti e Bucci a sessione plenaria con Putin e Xi Jinping

Genova / San Pietroburgo. Prosegue la missione di Regione Liguria allo Spief 2019, il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo. “Sono state giornate intense e produttive, in cui abbiamo lavorato per incentivare il commercio con la Federazione Russa, ricca anche dal punto di vista demografico – ha sottolineato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -. Siamo la regione ospite d’onore per l’Italia dell’edizione di quest’anno: siamo intervenuti a tutte le principali sessioni di lavoro della kermesse: abbiamo firmato importantissimi accordi come quello tra Ansaldo Energia e Gazprom o quello tra Camera di Commercio e la Fiera di San Pietroburgo per portare manifestazioni a Genova. Grazie all’Agenzia In Liguria la missione è stata l’occasione per promuovere il turismo, grazie ai collegamenti diretti con il nostro aeroporto, che garantiscono un incremento costante dei visitatori russi in Liguria. E anche i ristoranti dello Spief sono gestiti da chef liguri che offrono agli ospiti internazionali i piatti della nostra tradizione a base di prodotti del nostro territorio”. Oggi pomeriggio il presidente Toti e il sindaco di Genova Marco Bucci partecipano ai lavori dell’assemblea plenaria conclusiva del Forum con gli interventi del presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, e del presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi JinPing. “Abbiamo detto e ripetuto – ha aggiunto il presidente Toti – che le sanzioni stanno facendo miliardi alle nostre imprese senza ottenere alcun risultato e quindi vanno abolite e abbiamo sottolineato in ogni occasione che bisogna lavorare sulle infrastrutture che consentano alle persone di muoversi e rafforzare l’economia”.

A conclusione della missione a San Pietroburgo, questa sera il presidente Toti e il sindaco Bucci, insieme degli assessori regionali alla Cultura Ilaria Cavo, allo Sviluppo Economico Andrea Benveduti e all’Urbanistica Marco Scajola, parteciperanno al concerto del Teatro Carlo Felice alla Concert Hall del Teatro Mariinsky, sold out da alcuni giorni. “Il Carlo Felice – ha affermato il governatore – è il fiore all’occhiello di Genova e della Liguria di cui siamo orgogliosi e che vogliamo portare nel mondo”. A dirigere l’orchestra, composta da 58 professori d’orchestra, il Maestro Giuseppe Acquaviva, esperto pucciniano e anche Direttore Artistico del Teatro. Il suggestivo concerto si aprirà con l’esecuzione della Sinfonia da “Il signor Bruschino”, la Sinfonia da “L’italiana in Algeri”, la Sinfonia da “La cenerentola” e la Sinfonia da “Il barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini, seguirà la Sinfonia da “Il Matrimonio segreto” di Domenico Cimarosa e, in chiusura, il celebre Concerto n. 1 per violino e orchestra in Re maggiore op.6 M.S.21 di Niccolò Paganini, veri capolavori della storia della musica italiana. Solista al violino, la giovane talentuosa Francesca Dego.