Elezioni europee, Slow Food Europa lancia il manifesto “L’Europa che vogliamo”

Savona / Genova. Elezioni europee. Slow Food Europa lancia oggi il manifesto L’Europa che vogliamo con cui esorta i candidati al Parlamento europeo e i cittadini dell’Unione europea ad assumersi la propria responsabilità per il futuro dell’Europa. Al centro del documento dell’associazione della Chiocciola, la necessità di garantire sistemi alimentari e agricoli sostenibili. Purtroppo siamo ancora ben lontani da questo risultato, come dimostrano alcuni dati. Nel 2016, ad esempio, ogni due giorni il 9,1% della popolazione dell’Ue non  è riuscita a garantirsi un pasto di qualità (Eurostat 2016); tra il 2003 e il 2013 oltre un’azienda agricola su quattro è scomparsa in Europa (Eurostat 2016); il 20% del cibo prodotto nell’Ue viene perso o sprecato ogni anno. Il manifesto di Slow Food Europa fornisce suggerimenti concreti ai futuri decisori su come affrontare questi problemi, concentrandosi su sei temi:

  • – la transizione verso una politica alimentare comune, coinvolgendo il maggior numero di interlocutori per mettere fine a politiche ineguali e inefficienti;
  • – la Politica Agricola Comune, affinchè sostenga davvero le aree marginali, assicurando che i fondi siano utilizzati per proteggere i territori;
  • – la lotta al cambiamento climatico, mettendo al centro la tutela dei sistemi agricoli tradizionali e dando vita a una politica comune di riduzione dello spreco di cibo;
  • – la promozione della biodiversità, con norme che tutelino i suoli, gli organismi animali e vegetali dai brevetti, e sostengano il divieto di coltivazione degli Ogm
  • – la tutela degli ecosistemi marini, promuovendo una gestione collettiva delle risorse;
  • – il rispetto delle persone e dell’ambiente, due diritti fondamentali per assicurare un futuro alle prossime generazioni.

«Sono questioni al centro della missione di Slow Food e sulle quali i decisori europei avranno voce in capitolo nei prossimi anni. È fondamentale che i candidati al Parlamento europeo e gli elettori prendano posizione a favore della sostenibilità dei sistemi alimentari in Europa e nel mondo» afferma Marta Messa, direttrice dell’Ufficio europeo di Slow Food. (effe)

Leggi qui il manifesto completo (in pdf)

   Invia l'articolo in formato PDF