Vertice Mise Piaggio Aerospace, Lunardon e De Vincenzi: “è il momento di passare dalle parole ai fatti”

Savona / Roma. Dopo quasi un anno di tentennamenti che hanno messo a rischio l’azienda, il tempo è finito, affermano i consiglieri regionali del Pd ligure Giovanni Lunardon e Luigi De Vincenzi: “prendiamo atto che oggi, nel corso del vertice convocato al Mise su Piaggio, sono stati presi, per l’ennesima volta, degli impegni per sbloccare la grave situazione in cui, ormai da luglio, versa l’azienda, a causa dell’inerzia e dell’incapacità di assumere delle decisioni da parte del Governo e della maggioranza gialloverde. Fra questa proposte ci sono il revamping di 19 P180 e l’acquisto di 10 nuovi velivoli, nuove commesse per i motori e la promessa dello sblocco della certificazione per il drone e l’acquisto di due sistemi P1hh”.

Vedi Piaggio Aerospace, vertice Mise: piano per riassorbire lavoratori in cassa integrazione entro l’anno

“A questo punto, però, ci aspettiamo che si passi dalle parole ai fatti, visto che il futuro dell’azienda è fortemente a rischio e, a maggio, parte la cassa integrazione per 500 dipendenti. Il Governo ripari ai disastri di questi mesi: il ministero della Difesa emetta gli ordinativi per i P180 e i motori e la maggioranza sblocchi lo stallo sui P1hh nelle due commissioni parlamentari. Il tempo dei tentennamenti è finito” concludono Lunardon e De Vincenzi.

   Invia l'articolo in formato PDF