Bilancio Partecipativo, Tomatis “un modo per far sentire i cittadini parte attiva delle scelte politiche della Città”

Albenga. Il restauro e il risanamento della Cappelletta in via al Cimitero a Leca è il progetto più votato e che quindi verrà realizzato grazie all’iniziativa del Bilancio Partecipativo. La proclamazione è avvenuta ieri sera presso l’Auditorium San Carlo alla presenza dei cittadini, delle associazioni, del Sindaco Giorgio Cangiano, dell’Assessore al bilancio Paola Allaria, di Roberto Melone presidente del Forum proponente dell’iniziativa e dell’attuale vicesindaco e candidato alle prossime amministrative 2019 Riccardo Tomatis. Afferma Tomatis: “Il bilancio partecipativo è una delle espressioni più belle di democrazia ed è un modo per far sentire i cittadini parte attiva delle scelte politiche della Città”.

“La nostra amministrazione – continua – ha fortemente voluto portare avanti questa iniziativa e, per questo, vorrei ringraziare in particolare l’Assessore Allaria che si è sempre dimostrata entusiasta e che ha fortemente creduto in questo strumento dedicandovi risorse ed un forte impegno personale. Fondamentale, poi, la professionalità degli uffici comunali nel portare avanti e far crescere questo progetto per il quale l’amministrazione ha destinato per quest’anno 40 mila euro al posto dei 30 mila dello scorso anno”. “Il Bilancio partecipativo rappresenta lo spirito che ha sempre guidato la nostra amministrazione, quello propositivo e di condivisione, importante per lavorare insieme per migliorare la nostra Città” spiega Tomatis. “Il progetto che ha vinto interpreta perfettamente lo spirito di questo strumento che da’ l’opportunità di realizzare interventi che, magari non sono particolarmente urgenti e che, quindi, l’amministrazione non avrebbe probabilmente modo di realizzare, ma che portano un valore aggiunto alla nostra intera comunità.” “Anche i progetti che non hanno vinto sono espressione di esigente del territorio di cui l’amministrazione dovrà tenere conto” conclude Tomatis.

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF