Piaggio Aerospace, il Ministero della Difesa conferma il sostegno al futuro dell’azienda

(effe) Savona / Roma. “Desidero ringraziare il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta per aver voluto confermare il valore strategico di Piaggio Aerospace e per aver manifestato pubblicamente l’impegno, d’altra parte mai venuto meno, a sostenerne il futuro. Lavoreremo nei prossimi giorni assieme allo stesso Ministero e alle Forze Armate interessate affinché un tale impegno si concretizzi in tempi brevi”. Così Vicenzo Nicastro, Commissario Straordinario di Piaggio Aerospace, commenta le rassicurazioni date stamattina dal Ministro della Difesa Elisabetta Trenta che in merito alla particolare congiuntura industriale che interessa Piaggio Aerospace, ha confermato l’impegno della Difesa a supportare la creazione delle condizioni idonee ad una soluzione più duratura possibile, che possa contemperare al meglio le esigenze operative dello Strumento militare e il valore strategico dell’azienda.

“Nella fattispecie – ha puntualizzato il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta – mi adopererò perché ciò avvenga anche con l’attuazione di un programma di rinnovamento della flotta di velivoli P180 già disponibile presso le Forze Armate. Tale intervento, peraltro, era risultato di grande rilevanza già in sede di riunione con le rappresentanze sindacali presso il MiSE del 26 febbraio scorso”. E ha aggiunto “per quanto concerne il programma P1HH, la progettualità inizialmente presentata, ancorché valida nella sua sostanza, ha visto venir meno alcune fondamentali condizioni abilitanti. Sono però in corso approfondimenti mirati a ricercare ulteriori sinergie che permettano il proseguimento del programma nel più ampio interesse nazionale”.

Vedi Piaggio Aerospace si prepara alla cassa integrazione

I lavoratori sono oggi a Savona a sollecitare in Prefettura e all’Unione degli industriali soluzioni definitive. “Nel frattempo – ha ribadito il Commissario Straordinario di Piaggio Aerospace, Vicenzo Nicastro – l’azienda condividerà con le organizzazioni sindacali nel corso della riunione odierna a Savona le soluzioni più opportune per gestire l’attuale fase con l’obiettivo di preservare la continuità del business”. In Prefettura nel pomeriggio ci sarà anche un incontro sulla questione della LaerH, chiesto ieri con la mediazione del sindaco di Albenga Giorgio Cangiano. “Tra novembre e fine anno oltre 20 lavoratori con contratto in somministrazione o di tirocinio hanno lasciato l’azienda a seguito della mancanza di commesse. Ad oggi sono occupati pertanto 53 lavoratori diretti i quali sono da dicembre in cassa integrazione senza integrazione salariale” hanno ricordato le Segreterie Territoriali FIM FIOM UILM Savona e la RSU dello stabilimento esprimendo “profonda preoccupazione per la situazione di LaerH”: “lo stato di incertezza nel quale l’unità produttiva versa da mesi, causata dai ritardi e dalle difficoltà nella risoluzione della vertenza Piaggio Aerospace e dallo slittamento temporale della chiusura di contratti con altri Gruppi industriali, mette a gravissimo rischio il progetto produttivo ed occupazionale complessivo”.

Vedi Albenga, lavoratori LaerH ricevuti in Comune dal sindaco: “non si può più andare avanti così”

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF