Savona, Fabbriche Aperte®: oltre 9000 gli studenti coinvolti dal 2008 ad oggi

Albenga / Savona. Salgono ormai a 9000 gli studenti coinvolti dal 2008 ad oggi, in quasi 200 visite aziendali, numeri che confermano il successo di un progetto, Fabbriche Aperte®, nato come iniziativa di orientamento scolastico e che, negli anni, ha creato tra scuola e mondo dell’impresa un dialogo efficace per far conoscere le industrie savonesi e le richieste di professionalità da parte del mondo del lavoro. Voluta dall’Unione Industriali di Savona, con il sostegno della Camera di Commercio Riviere di Liguria – Imperia La Spezia Savona ed il contributo dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, l’iniziativa è stata realizzata grazie al supporto della Regione Liguria nell’ambito del progetto di orientamento “ #Progettiamocilfuturo – fase 2” e della specifica azione “Ragazzi in Azienda” finanziata dal FSE e realizzata da ALISEO -Agenzia ligure per gli studenti e l’orientamento.

La dodicesima edizione, quella 2019, è iniziata con la preparazione in classe attraverso il depliant Fabbriche Aperte® ed il gioco “Alla conquista di una mente scientifica” secondo i”l format originale di Noisiamofuturo® che ha trasformato gli studenti in veri propri reporter capaci di raccontare, in modo efficace ai loro coetanei ed alle loro famiglie, le aziende che visitano, affiancati dai loro insegnanti, dai membri dell’Associazione Giovani per la Scienza e del Consolato Provinciale di Savona della Federazione dei Maestri del Lavoro d’Italia. Un viaggio tra reparti di produzione, laboratori, magazzini, uffici, alla scoperta di processi, competenze e professionalità, innovazione ed eccellenze. Con numeri ancora in crescita come numero di aziende coinvolte, quest’anno 20, e di classi partecipanti, ben 43”.

Gli Istituti comprensivi del territorio coinvolti in questa dodicesima edizione sono: Istituto Comprensivo Albenga I, Istituto Comprensivo Albisole, Istituto Comprensivo Cairo Montenotte, Istituto Comprensivo Carcare, Istituto Comprensivo Finale Ligure, Istituto Comprensivo Loano, Istituto Comprensivo Millesimo, Istituto Comprensivo Quiliano, Istituto Comprensivo Savona I, Istituto Comprensivo Savona II, Istituto Comprensivo Savona IV, Istituto Comprensivo Spotorno, Istituto Comprensivo Vado Ligure, Istituto Comprensivo Val Varatella, Istituto Comprensivo Varazze-Celle. 20 invece, le aziende che si sono messe a disposizione dei ragazzi: A.D.R.- Aziende Dolciarie Riunite S.p.A., APM Terminals S.p.A., Autorità di Sistema del Mar Ligure Occidentale, Bitron S.p.A., Bombardier Transportation Italy S.p.A., Cabur S.r.l., Continental Brakes Italy S.r.l., Esso Italiana S.r.l., Trenitalia S.p.A., Infineum S.r.l., Loano Due Village, Matrunita Mediterranea S.r.l., Noberasco S.p.A., Reefer Terminal S.p.A., Verallia Italia S.p.A., Schneider Electric S.p.A., Tirreno Power S.p.A., TPL Linea S.r.l., Vetreria Etrusca S.p.A.

Gli studenti visita dopo visita, con videoriprese, interviste e brevi redazionali, realizzeranno anche il Tg Fabbriche Aperte®, una produzione video originale, in cui i ragazzi divulgano contenuti relativi a produzioni, figure professionali, innovazione e ricerca delle aziende savonesi con un linguaggio fresco ed immediato e di forte impatto comunicativo. Come ogni anno il TG Fabbriche Aperte®, insieme alla premiazione dei vincitori del gioco “Alla conquista di una mente scientifica” caratterizzerà le due cerimonie finali organizzate al Teatro Chiabrera a Savona.

I COMMENTI

“Regione Liguria, tramite le risorse del Fondo Sociale Europeo, sostiene un’iniziativa che ha dimostrato nel tempo di essere utile e funzionale ad una scelta consapevole per il proprio futuro. – ha affermato Ilaria Cavo, assessore alla Formazione di Regione Liguria – Il progetto, infatti, sposa in pieno quella che è la nostra filosofia ormai da tempo nell’intendere l’orientamento al lavoro degli studenti e dei giovani, di questa provincia e non solo. Questa iniziativa, nata per supportare l’orientamento scolastico, ha creato un canale privilegiato tra scuola e impresa, per consentire ai giovani di conoscere le aziende che operano sul territorio e quali siano le figure professionali maggiormente ricercate dal mondo del lavoro. Attualmente è questa la soluzione migliore per aiutare i nostri giovani a costruirsi un futuro lavorativo soddisfacente e consapevole. Per questo Regione Liguria ha investito molto in #Progettiamocilfuturo, progetto di durata triennale, che aiuta i giovani ad orientarsi verso le professioni del domani: in futuro formazione e orientamento dovranno essere sempre maggiormente legati al mondo delle aziende ed è necessario che tutti i soggetti coinvolti lavorino in una direzione comune, come già sta accadendo, per raggiungere il miglior risultato possibile.”

“In un periodo in cui si registra una crisi del sistema produttivo ed occupazionale poter dire che esistono realtà industriali solide e competitive, come quelle che partecipano a Fabbriche Aperte, e che guardano al futuro, investendo in ricerca, innovazione, servizi efficienti, qualità del prodotto e professionalità – dichiara Luciano Pasquale, Presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguria Imperia – La Spezia – Savona – è un dovere e un servizio alla collettività. E’ un impegno importante che ci assumiamo nei confronti di centinaia di famiglie, sensibilizzate a far intraprendere ai propri figli quei percorsi tecnico scientifici che si confermano, al momento, una garanzia di occupazione all’interno delle aziende del territorio”

Da otto anni i porti di Savona e Vado aderiscono all’iniziativa a fianco di Unione Industriali e delle realtà produttive della provincia. “Ritengo che la formula scelta per Fabbriche Aperte sia apprezzabile per la sua concretezza e che siano totalmente condivisibili gli scopi: far conoscere agli studenti e alle famiglie le attività che si svolgono sulle banchine portuali; aiutare i giovani nella scelta del proprio futuro scolastico prima e lavorativo poi. E’ una nostra finalità come Autorità di Sistema Portuale che unisce Genova e Savona fornire ai ragazzi la conoscenza diretta delle realtà produttive così che i giovani investano nella formazione più idonea”. Questo il commento del Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini.

“Quest’anno abbiamo raggiunto un traguardo veramente importante: quasi 1.000 sono gli studenti coinvolti. E se dopo 12 anni di attività, rileviamo che la partecipazione a Fabbriche Aperte, sia come aziende che come scuole, continua a crescere è perchè l’orientamento verso percorsi formativi tecnico scientifici ha portato a risultati concreti; dichiara Enrico Bertossi, Presidente dell’Unione Industriali di Savona. “Siamo entusiasti di aver lavorato con continuità, grazie a questo Progetto fatto in sinergia con gli importanti partner istituzionali coinvolti, per favorire un cambiamento culturale che sia utile per il futuro dei ragazzi e per lo sviluppo delle aziende del territorio. Oggi studiare materie tecnico scientifiche significa poter acquisire competenze e professionalità richieste da parte di industrie con chiari obiettivi di sviluppo e crescita in un mercato globale ed avere minori difficoltà ad inserirsi nel mercato del lavoro”.