In arrivo 2,5 milioni di euro per la spiaggia di Alassio

Alassio. Dalla Regione il contributo per la difesa della costa e del litorale alassino. Sindaco Melgrati: “grande sinergia istituzionale con Toti, ora lavoriamo perché la spiaggia torni ad essere il primo presidio della città nei confronti di eventi eccezionali come quelli registrati il 29 ottobre scorso”.​ La notizia era nell’aria già dalla mattinata, ma la conferma è arrivata solo nel primo pomeriggio: la Regione Liguria ha accolto l’istanza presentata dal Comune di Alassio finanziando con due milioni e mezzo le opere di difesa del litorale alassino che si erano rese necessarie a seguito dei gravissimi ed eccezionali eventi del 29 ottobre scorso.

“Non posso che gioire della notizia appena ricevuta – il commento a caldo del sindaco di Alassio, Marco Melgrati – evidentemente la Regione ha preso atto del fatto che il litorale alassino è stato gravemente colpito dalla mareggiata del 29 e 30 ottobre scorso e che la nostra spiaggia rappresenta il primo presidio per l’abitato e le attività commerciali che insistono sulla passeggiata. Ovviamente il primo ringraziamento va al Governatore Toti e a tutta l’amministrazione regionale per la sensibilità che ha voluto dimostrare nei confronti della nostra città, che vive come un sistema di turismo balneare”. “Spiace pensare – aggiunge il primo cittadino di Alassio – che invece di lavorare come un sol uomo per il bene della città, alcuni operatori del sistema balneare abbiano posto in essere illazioni tese a dimostrare un presunto conflitto tra questa amministrazione e quella regionale. I rapporti tra il Sindaco di Alassio e il Presidente Toti sono da sempre improntati su correttezza istituzionale, reciproco rispetto e ammirazione per tutto quello che l’amministrazione regionale è riuscita e riesce a fare a difesa dei comuni, nell’interesse dei cittadini e in tempi brevissimi”.

Per il litorale alassino in arrivo dunque 2,5 milioni di Euro. “I primi 500mila euro – spiega ancora il sindaco della città del Muretto – serviranno per il ripascimento “strutturale spurio” quel ripascimento, cioè, che consente di raddoppiare i limiti di legge da 10 metri cubi per metro lineare a 20 metri cubi di sabbia per metro lineare di spiaggia. Ciò consentirà di procedere subito con il ripascimento e la ricostituzione di un litorale attualmente compromesso”. “I restanti due milioni di euro – prosegue Melgrati – serviranno, una volta verificata la compatibilità delle cave di sabbia sommerse – che il Comune ha intenzione di monitorare nel breve – di procedere con un ripascimento strutturale di notevoli dimensioni atto ad impedire il verificarsi si ulteriori problematiche analoghe a quelle registrate con la mareggiata del 29 ottobre scorso, ormai tristemente famosa. Contestualmente il Comune di Alassio si è impegnato a ricercare finanziamenti europei per integrare questo intervento con la barriera soffolta del Technoreef, progetto che già avuto tutte le autorizzazione necessarie e per il quale il Comune ha già aderito a due bandi Europei”.

“Sono molto soddisfatta delle notizie giunte stamani dalla Regione – conclude Francesca Schivo, consigliera incaricata al Demanio – un successo auspicato e atteso per il quale vorrei ringraziare gli uffici tecnici comunali per la grande mole di lavoro svolta sotto il coordinamento dell’Ing Paliotto per la gestione dell’emergenza e la predisposizione dei documenti  necessari all’ottenimento del finanziamento. Un ringraziamento anche all’Associazione Bagni Marini per aver collaborato con gli uffici e l’amministrazione con l’obiettivo comune di restituire alla città la spiaggia e la difesa naturale che merita”

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF