Savona, maratona spaziale fra gli oggetti più luminosi del cielo profondo

Savona. L’inizio della primavera è il momento ideale per una splendida maratona spaziale fra gli oggetti più luminosi del cielo profondo, tutti oggetti che non facendo parte del nostro sistema solare hanno comunque una dimensione estesa e non sono quindi dei semplici puntini come le stelle.

«La maratona Messier – spiega Ugo Ghione, presidente dell’Associazione Astrofili Orione – è l’osservazione in un’unica nottata dei 110 oggetti del catalogo redatto dall’astronomo francese Charles Messier (Badonviller 1730 – Parigi 1817) si va dall’ammasso aperto delle Pleiadi (M45) che si trovano a poco più di 400 anni luce di distanza alla grande nebulosa di Orione (M42) a oltre 1200 anni luce o ai grandi ammassi globulari come M3 nella costellazione dei Cani da caccia a quasi 34.000 anni luce di distanza e il viaggio continua fino alla grande galassia a 2,9 milioni di anni luce fino alla galassia M58 nella costellazione della Vergine che è l’oggetto più distante a 68 milioni di anni luce di distanza».

Lunedì 18 marzo alle ore 18 l’Associazione astrofili Orione presenterà le principali caratteristiche di questa maratona spaziale presso la libreria Ubik di Savona mentre per chi vuole avventurarsi nella reale osservazione di questi oggetti l’appuntamento è sabato 6 aprile presso il rifugio di Pratorotondo sul monte Beigua.

   Invia l'articolo in formato PDF