Maltempo, “climate change” e danni all’agricoltura all’assemblea Coldiretti

Nella foto: Ettore Prandini, eletto Presidente Nazionale Coldiretti all’unanimità dall’Assemblea dei delegati di tutte le regioni a Roma mercoledì 7 novembre 2018

Savona / Roma. In un decennio il rincorrersi di eventi estremi causati dai cambiamenti climatici è costato all’agricoltura oltre 14 miliardi di euro tra perdite produttive, danni a strutture e infrastrutture, anche a causa dell’incuria e dell’abbandono del territorio; con la produzione dimezzata per il crollo vicino al 40% dei raccolti, è l’olio extravergine di oliva Made in Italy a subire quest’anno gli effetti più pesanti del “climate change” con l’ultima ondata di maltempo che ha spazzato via le olive e sradicato ulivi.

Sono alcuni dei dati ricordati oggi all’assemblea per l’elezione del nuovo presidente nazionale di Coldiretti che si sta tenendo al Centro Congressi Palazzo Rospigliosi a Roma; la scelta si è indirizzata su Ettore Prandini, dunque neo-eletto Presidente nazionale: lombardo, 46 anni, Prandini è stato votato all’unanimità dall’Assemblea dei delegati di tutte le regioni.

Nella foto: Gianluca Boeri, Presidente Regionale di Coldiretti Liguria

All’assemblea sono presenti anche il Presidente Regionale di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri, il Delegato Confederale Bruno Rivarossa, accompagnati dai Presidenti e Direttori delle quattro Federazioni Provinciali liguri, i quali partecipano ai lavori aperti con un excursus sui primati qualitativi e di sicurezza alimentare della produzione Made in Italy e le prospettive future per l’agricoltura italiana.

Nodo centrale di discussione è il maltempo che nell’ultimo periodo ha colpito duramente gran parte delle regioni d’Italia, e che in Liguria ha causato danni imponenti soprattutto al settore olivicolo ed ittico: gli agricoltori delle aree più colpite presenteranno la prima mappa territoriale dei danni, nelle campagne e nei boschi con tutte le conseguenze sull’ambiente, sull’economia, sull’occupazione e sui consumi che ne derivano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*