Borghetto S. Spirito, “Progetto Anziani ” 2018/2019

Borghetto S. Spirito. Martedì 6 novembre 2018 prenderà il via l’iniziativa del Comune di Borghetto S. Spirito “Progetto Anziani ” 2018/2019. Promosso dall’Assessorato alle Politiche Sociali, con l’attiva collaborazione del Centro Ragazzi Comunale, il “Progetto anziani” offrirà, una serie di incontri ed iniziative, pensate per gli over 65, con lo scopo di contrastare la solitudine e promuovere la socializzazione e l’aggregazione, organizzando iniziative socio-ricreative ed attività di svago che molti cittadini anziani talvolta non possono concedersi, perché a basso reddito o perché soli ed esclusi dalla sfera sociale.

Presso il Centro Anziani di Via Milano si svolgerà l’incontro dal titolo “Il pavimento pelvico nella terza età: come interpretare i primi sintomi di disfunzioni e prevenire patologie gravi”, a cura di M. Ester Cannonero – Assessore alle Politiche Sociali – e Gabriella Mollea – Coordinatore Ostetricia e ginecologia dell’Ospedale S. Corona. L’incontro vuole affrontare una tematica troppo poco conosciuta, ma che riveste una notevole importanza sia per le donne che per gli uomini. Questo accade perché viene sottovalutata la sua funzione ( per ignoranza, tabù socio-culturali, disinformazione ecc..), il pavimento pelvico, infatti non ha ricevuto fino a pochi anni fa l’interesse che avrebbe meritato, pur essendo di fondamentale importanza per la salute, il benessere e la qualità della vita.

L’ iniziativa è gratuita ed aperta al pubblico e alla cittadinanza tutta.
Con il “Progetto Anziani”, il Comune di Borghetto S. Spirito intende offrire una serie di laboratori creativi, incontri, dibattiti per dare agli anziani e alle categorie più fragili del nostro territorio tutti gli strumenti per condurre una vita sana, ricca di stimoli e di benessere. “Ho pensato  – dice l’assessore alle Politiche Sociali Ester Cannonero – di trattare diverse tematiche che spaziano dall’aspetto culturale, a quello sanitario e ludico,perché ritengo che le attività proposte possano essere un valore aggiunto, nell’ottica di un maggior sostegno alle fragilità dei nostri anziani, che trovano nell’Amministrazione comunale un punto di riferimento preciso e costante nel favorire la socializzazione e l’approfondimento di corretti stili di vita, che permettono di mantenere più a lungo le potenzialità esistenti nell’anziano.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*