Velieri d’epoca: il ritorno del Caroly a Varazze

Varazze. Il Caroly, veliero d’epoca costruito dai Cantieri Baglietto e oggi splendida Nave Scuola della Marina Militare, è tornato a Varazze dopo 70 anni dal varo, avvenuto il 18 luglio del 1948. Il Caroly è un prototipo progettato da Vittorio Baglietto e costruito dal cantiere varazzino per il Commodoro Riccardo Preve, con caratteristiche tali da consentirgli di poter navigare in sicurezza sia in mare aperto che nei fiumi con fondali poco profondi. Infatti, oltre alla particolare forma aveva la deriva mobile per consentirgli di variare il pescaggio da 2 a 3,10 m.

Nel 1983, dopo la morte del Commodoro, i figli lo donarono alla Marina Militare a patto che venissero rispettate alcune condizioni, come quella di mantenere la denominazione Caroly, nome della consorte dell’armatore. L’imbarcazione entrò così a fare parte della flotta dello Sport, affiancando il Vespucci, il Palinuro, la Stella Polare e il Corsaro II, arruolato come “Nave Scuola” per l’addestramento degli allievi della Marina Militare Italiana.

Nella darsena di Marina di Varazze, ad accogliere e dare il bentornato al veliero, oltre al Direttore dello scalo turistico erano presenti i rappresentanti del Gruppo ANMI Varazze, il Varazze Club Nautico, che il prossimo anno compie 100 anni di attività, U Campanin Russu,Varagine.it, la Confraternita San Bartolomeo, il Museo del Mare, la LNI Sezione di Varazze, l’Associazione Pesca Sportiva Varazze, TeleVarazze, il Comandante in seconda della Capitaneria di Porto di Savona C.F. (CP) Alessio Morelli, l’Assessore alla Cultura Mariangela Calcagno e gli ultimi tre Sindaci della Città: l’Avv. Alessandro Bozzano, attualmente in carica e i suoi predecessori, il Prof. Giovanni Delfino e l’Avv. Antonio Ghigliazza. Quest’ultimo figlio di uno dei marinai che subito dopo il varo portarono il Caroly in Argentina, dove la famiglia dell’armatore aveva vaste proprietà terriere.

Tra i visitatori anche Ricardo Preve, il nipote dell’armatore, che da 48 anni non saliva sull’imbarcazione. L’emozionato erede del Commodoro che si è soffermato a lungo sull’imbarcazione, accolto dal Tenente di Vascello Livio Martuscelli, attuale Comandante, sceso a terra ha dichiarato: «È stato molto bello condividere la mattina con voi a Varazze. Per me è stato molto emozionante tornare a bordo di Nave Caroly dopo 48 anni, quando ero un bambino di 13 anni. Molti ricordi si sono fatti presenti nella mia mente, riconoscendo la coperta, l’alberatura, il pozzetto, e gli interni ho riscoperto immagini e pensieri del passato che fanno parte della mia gioventù. Particolarmente lieto l’incontro con il Sindaco e tutte le persone di Varazze che si sono avvicinate a salutarmi, sento proprio che la “Nave Caroly” continua ad essere nel cuore di tutti quelli che la hanno costruita nel lontano 1948, e dei loro discendenti che ancora oggi vivono a Varazze.»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*