Finalborgo, Viaggio nel Medioevo: artisti da tutta europa per animare il borgo medievale

Finale Ligure. Dal 23 al 26 agosto, andrà in scena una delle più attese manifestazioni della Liguria: il “Viaggio nel medioevo” a Finalborgo, capitale del Marchesato del Finale. La tradizionale manifestazione medievale d’agosto, organizzata dal Centro Storico del Finale in collaborazione con i portoghesi della Companhia de Teatro Viv’Arte – che vede esibirsi nel Borgo centinaia di “Artisti medievali” provenienti da tutta Europa – ha raggiunto nella scorsa edizione l’apice del successo, con numeri e riconoscimenti che hanno stupito gli stessi organizzatori. Il Viaggio nel Medioevo, dopo aver ricevuto premi e riconoscimenti anche in ambito internazionale, fra questi nel 2007 giunge la Medaglia d’Argento del Presidente della Repubblica,  quest’anno potrà fregiarsi del logo “2018 Anno Europeo del Patrimonio Culturale #EuropeForCulture”, riconoscimento ottenuto dal Ministero dei Beni Culturali. Qualche numero di questa edizione:

Oltre 40 i gruppi/compagnie di Artisti e rievocatori impegnati nei quattro giorni dell’evento. 12 gruppi stranieri, 30 compagnie italiane, 8 le sezioni di rievocazione/spettacolo dell’Associazione, cinque le zone di ristoro tematiche con caratteristiche completamente diverse: dalla tenda araba del the alla menta, alla cena medievale, fino ai banchi più “popolari”, dall’ippocrasso alla frittella; 80 le attività commerciali che aderiscono all’evento diventando parte dello spettacolo, con banchi esterni o allestendo la propria attività; un esclusivo coloratissimo mercato iberico che evoca atmosfere arabeggianti degne di Marrakech nella nuova Piazza di Porta Testa: circa 150 artisti e figuranti presenti ogni giorno; oltre 100 i volontari impegnati a vario livello nell’organizzazione; un ufficio informazioni operativo durante l’evento con personale multilingue; un centro operativo di gestione emergenze di tutto rispetto con presidio sanitario. Imponenti le misure di sicurezza messe in atto grazie alla collaborazione con Carabinieri, Polizia locale e Protezione Civile.

«Il lavoro svolto e i numeri consacrano la manifestazione come fra i principali eventi medievali nord Italia. Da un progetto ambizioso e lungimirante nato nel lontano 2001, l’associazione ha trasformato, con un meticoloso lavoro d’equipe, le tradizionali “serate medievali nei Borghi”, in quello che oggi è riconosciuto come un evento medievale internazionale – patrocinato dalla Confederation Europeenne des Fetes et Manifestations Historiques, dalla Federazione Italiana Giochi Storici, dalla Consulta Ligure per la Difesa delle Arti e delle Tradizioni e promosso dalla Regione Liguria – Assessorato Sport e Tempo Libero.»

Artisti da strada, attori, mangiafuoco, giocolieri, musici, danzatori, sbandieratori, ammaestratori di rapaci, cavalieri, arcieri, spadaccini, osti e locandieri. Professionisti del settore provenienti da diverse località d’Europa si incontrano nell’antico borgo per contendersi le piazze e le vie. Ogni angolo del Borgo è animato e colorato da bandiere, festoni e insegne medievali. Combattimenti tra mercenari irruenti o duelli cortesi dei cavalieri di ventura. Eventi inaspettati ed inattesi spettacoli animano il Borgo in ogni suo vicolo. Attraversando le porte di Finalborgo si avrà la sensazione di varcare le porte del tempo ed essere immersi in un sogno medievale. In tutto il paese rifioriscono antiche botteghe dove i commercianti e gli artigiani del paese cogliendo lo spirito della festa medievale accettano il FINARINO, la moneta del Marchesato del Finale. Centinaia di personaggi si avvicendano per le vie di Finalborgo popolate di avventori in costume, con strade e piazze animate da dame, cavalieri e popolani, concerti di musica celtica-medievale, tornei a cavallo, torture e storia dal vivo in modo da riprodurre il XV secolo, epoca nel quale il marchesato del Finale, feudo della prestigiosa famiglia dei del Carretto, visse il suo periodo di maggior fulgore. Tutte le forze locali sono coinvolte nella complessa manifestazione: l’Associazione “i nostri Vegi du Burgu”, la protezione civile AIB, la P.A. Croce Verde, la P.A. Croce Bianca, l’Associazione Carabinieri, il Tartaruga Express, i Commercianti e gli Artigiani del paese e i molti cittadini del Borgo, che pazientemente sopportano per quattro giorni che la tranquilla Finalborgo diventi teatro naturale; colorata e fragorosa capitale dell’Europa medievale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*