Appalti ferroviari, tutelare i lavoratori e garantire qualità dei servizi

Durante il consiglio regionale di ieri è stato approvato all’unanimità l’OdG presentato da Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria e PD per tutelare i lavoratori degli appalti ferroviari (attività di pulizia, ristorazione e accompagnamento notte), ma anche per garantire il mantenimento della qualità nel servizio, in un momento in cui tutto il settore è in crisi. «Oltre agli slogan c’è da occuparsi seriamente di chi ogni giorno lavora nel comparto ferroviario. Il contratto di servizio della durata di 15 anni, siglato da Regione Liguria con Trenitalia, prevede, oltre al rinnovo dei treni, comfort maggiori e una pulizia più accurata delle carrozze – dichiarano il capogruppo Gianni Pastorino e il consigliere regionale Francesco Battistini -. Tutto ciò stride con lo scenario che si sta delineando progressivamente sul fronte dei servizi in appalto: in Liguria, infatti, sono circa 450 gli occupati nel settore, ma per molti di loro è già scattata da tempo la cassa integrazione».

Primo nodo che la giunta dovrà affrontare: disinnescare i 15 esuberi prospettati da Boni Spa, una delle aziende che ha in appalto la pulizia dei convogli, la quale ha avviato le procedure di licenziamento collettivo. «Senza contare che a settembre scadranno gli ammortizzatori sociali. Siamo soddisfatti della condivisione, e dunque dell’approvazione del nostro OdG: ora ci aspettiamo un segnale concreto – sottolineano Pastorino e Battistini -. Al tempo stesso la situazione ci preoccupa: questo segnale, insieme al caos totale registrato sulla rete ferroviaria nelle ultime settimane, ci solleva consistenti perplessità sul contratto di servizio. Sarebbe stato meglio risolvere questi nodi in sede di concertazione dell’accordo: ora l’Assessore Berrino dimostri che i nostri timori sono infondati e si adoperi per tutelare i lavoratori di una categoria che, stando agli annunci di Trenitalia, nel prossimo futuro dovrebbe lavorare di più per offrire servizi migliori ai viaggiatori».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*