UNHCR – la mostra fotografica “Per amore” arriva a Sestri Levante

Dal 13 al 26 luglio la mostra fotografica organizzata dall’Agenzia ONU per i Rifugiati (UNHCR) sara’ visitabile aSestri Levante presso l’ex Convento dell’Annunziata (Via Portobello 30). 40 scatti per raccontare l’amore in tutte le sue forme. Inaugurazione sabato 14 luglio alle ore 17.30. Ingresso libero.

©Sandra Zagolin
Lovers
Mongolia, 2015
Macster, la guida dell’autrice durante il viaggio in Mongolia, al ritorno, felicissimo insieme alla sua adorata sposa.

Descrivere l’amore, nelle sue molteplici forme, attraverso le immagini è l’invito che l’Agenzia ONU per i Rifugiati (UNHCR) ha lanciato lo scorso novembre attraverso il concorso fotografico Per Amore. Quasi 600 fotografi hanno risposto all’invito. Più di 3000 le foto arrivate e selezionate dalla giuria di esperti. Dalle foto arrivate per il concorso, sono state selezionate le immagini della mostra Per Amore. Promossa dall’UNHCR in collaborazione con Photo Op e Fiaf (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche), il fondamentale supporto tecnico di Canon e il Patrocinio del Consiglio Nazionale del Notariato, la mostra approda il 13 luglio a Sestri Levante dove restera’ fino al 26 luglio presso l’ex Convento dell’Annunziata a Via Portobello 30.

Un viaggio per immagini che parte dai tre vincitori – Tattoo AnimeTatuate di Alessando Lercara, vincitore del concorso; Io non ti abbandono di Elena Sentieri e Ragazza madre, Himba People di Francesco Congedo rispettivamente al secondo e terzo posto – e che, grazie anche agli altri autori presentati in mostra, conduce attraverso le molte dimostrazioni di amore e cura di cui sono stati testimoni.

©Alessandro Lercara
TATTOO #AnimeTatuate
Torino, 2016

Un viaggio non solo metaforico, ma un vero tour visivo tra i codici dell’affetto nelle diverse regioni del mondo, come a dimostrare che i sentimenti ispirano comportamenti inconfondibili a qualsiasi latitudine. Dalla Mongolia alle valli della Toscana, tra i rifugiati della rotta balcanica, ai monaci in Myanmar, ai bambini nel parco giochi in Bosnia o a quelli nei campi rifugiati in Giordania, tutte le immagini raccontano momenti di tenerezza che legano tra loro i protagonisti delle foto.

I monaci di Stefano Lotumolo condividono lo stesso raccoglimento dell’uomo immerso nella lettura, fotografato da Cristian Iotti. L’intimità e l’affetto uniscono le mani sott’acqua di Serena, volontaria insegnante di nuoto, con quelle di un bambino disabile (Marco Garofalo), la famiglia nel bagno onsen in Giappone (Paolo Patrizi), ma anche il monaco cambogiano che porge un fiore a una scimmia tra le rovine del tempio di Angkor Wat o Cinzia Angiolini che dorme tenendo in braccio Quasimodo, uno degli agnelli di razza zarasca, la specie in via d’estinzione che, da sola, protegge nelle valle di Zeri (Yarin Trotta Del Vecchio).

Amici, amanti, fratelli, madri e padri con i figli, insegnanti, volontari, ognuno di loro spinto dall’amore e, a volte, dalla dedizione nei confronti del prossimo. A raccontare quei momenti, gli autori che attraverso sguardo attenta e amorevole li restituiscono nella loro unicità universale.

©Elena Sentieri
Io non ti abbandono
Alto Molocue, Mozambico, 2017
Justina allatta il suo bambino accovacciata sul retro di un pick-up in corsa.

Quella di Sestri Levante rappresenta la terza tappa della mostra che segue il debutto di Cortona e la permanenza a Torino.

Oggi le persone costrette ad abbandonare le proprie case in tutto il mondo sono 68,5 milioni. Ogni 2 secondi 1 persona è costretta ad abbandonare la propria casa – meno del tempo necessario per leggere questa frase.

Come i gesti raccontati negli scatti di questa mostra, la scelta di milioni di persone nel mondo e di centinaia di migliaia in Italia, che sostengono il lavoro dell’UNHCR per i rifugiati con donazioni e lasciti testamentari, é un gesto d’amore.

Per Amore
13 – 26 luglio, ex Convento dell’Annunziata (Via Portobello 30).
Orari:
Da lunedì al sabato ore 9.00 – 12.00
Venerdì, sabato e domenica ore 21.00 – 23.30
Ingresso Libero

Vittoria Buratta: cosa cambia con il nuovo Censimento permanente della popolazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*