Borghetto, incontro sul corretto conferimento dei rifiuti organici

Si svolgerà giovedì 12 luglio 2018, alle ore 20.30, presso la sala consiliare del Palazzo Comunale di Piazza Italia, l’incontro pubblico indetto da ATA spa, l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti sul territorio al fine di confrontarsi con la cittadinanza sul tema del conferimento dei rifiuti organici. È stata l’Amministrazione borghettina, presieduta dal Sindaco Giancarlo Canepa, «a volere fortemente, nel corso di un incontro con i vertici operativi della Soc.pubblica che gestisce il servizio per conto del Comune, una riunione con la cittadinanza al fine di evitare ulteriori problematiche sulla raccolta del rifiuto cd. “umido”».

“Lo scopo di questo incontro è quello di sensibilizzare l’utenza sull’importanza del corretto conferimento dei rifiuti organici. Purtroppo oggi questo non avviene in maniera ottimale. Anzi negli ultimi tempi abbiamo assistito ad un progressivo peggioramento del conferimento da parte dei cittadini. Questo comporta il declassamento del rifiuto da organico a non recuperabile e ne aumenta i costi di smaltimento che si vanno inevitabilmente a ripercuotere sull’utenza stessa incidendo sull’aumento della TARI. Il problema è serio ed è la causa della situazione attuale nel paese, in cui ci troviamo bidoni pieni di umido che non può essere smaltito come tale perché mischiato a plastica o altro materiale e rimane più del dovuto sul territorio causando gravi situazioni di igiene precaria e mancanza di decoro.” afferma Giancarlo Canepa. Il sindaco aggiunge altresì: “Questa mattina, insieme al vice sindaco Luca Angelucci e al funzionario dell’ufficio ambiente Di Crescenzo, abbiamo avuto un incontro con l’Amministratore Delegato di ATA spa Matteo Debenedetti e i responsabili del cantiere per tracciare una rotta condivisa. A brevissimo chiederò un incontro in Provincia per discutere di questa delicata questione”.

Durante l’incontro ATA si è impegnata a risolvere le criticità sul territorio nel più breve tempo possibile e l’Amministrazione ha annunciato che congiuntamente alla campagna informativa sul corretto conferimento e alla progressiva chiusura dei bidoni attuerà una serie di controlli e verifiche anche tramite il posizionamento di nuove foto trappole oltre alla telecamere mobili già in uso all’Ente. “La situazione non è più accettabile non solo per l’umido ma anche e soprattutto per il continuo e indiscriminato abbandono di ingombranti il cui costo di recupero e smaltimento è diventato insostenibile. Tolleranza zero verso coloro che si renderanno colpevoli di questi atti i cui costi, lo ripeto, si ripercuotono sulla collettività e causano danni di immagine intollerabili per un comune che dovrebbe fare dell’accoglienza turistica il suo fiore all’occhiello”, conclude Canepa.

GOS del nucleo della Spezia fa brillare bomba

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*