“Giornata Mondiale del Rifugiato”, le iniziative a Savona

Il 20 giugno si celebra in tutto il mondo la “Giornata Mondiale del Rifugiato”, l’appuntamento voluto dall’Assemblea generale dell’Onu, il cui obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica sulla condizione di milioni di rifugiati e richiedenti asilo. Nello stesso giorno del 1951 l’Assemblea approvò la Convenzione di Ginevra.

Questa iniziativa internazionale che come sempre avrà una sua declinazione anche sul nostro territorio con un ricco calendario di appuntamenti.
Ad organizzare e promuovere il “Mese del rifugiato”, col patrocinio di
Comune e Provincia di Savona, realtà del territorio savonese quali Arci Savona, Caritas, fondazione Comunità Servizi, Fondazione Migrantes, Progettocittà, Arcimedia, Cpia, Korakané, NuovoFilmstudio, la SMS – Circolo ARCI Cantagalletto ed Auser.

Oggi mercoledì 20 giugno, dalle 9, nell’area sportiva di via delle Trincee torneo di ping pong tra gli studenti del Cpia e quelli degli istituti superiori savonesi.

Quindi due appuntamenti cinematografici in due giovedì successivi, sempre nella sala del NuovoFilmstudio e sempre alle 20.30. Il 21 “Vangelo” del regista Pippo Delbono che sarà presente in sala, mentre il 28 “The immigrant” di Charlie Chaplin musicato dal vivo da Carlo Aonzo e John T. La Barbera.

Da ricordare poi che nella serata del 26 giugno, la SMS – Circolo ARCI Cantagalletto proporrà una cena raccogliendo 2 euro a partecipante da devolvere per progetti in favore dei migranti.

Venerdì 29 giugno nella Città dei Papi “Cronache di ordinario razzismo” a cura dell’associazione Lunaria: dalle 14.30 alle 17.30 evento di formazione indirizzato agli operatori del settore (partecipazione su iscrizione contattando Federico Olivieri: 320.6979057 f.olivieri@comunitaservizi.org) mentre alle 18 presentazione del libro dal medesimo titolo, a seguire aperitivo.

Infine sabato 30 giugno, alle 21, nello spazio Raindogs delle Officine Solimano, “Open orchestra” performance finale del laboratorio musicale e performance teatrale con Korakanè “Ballad of colors dependancy”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*