Scuole primarie di Andora, sopralluogo del sindaco

Andora. Sopralluogo questa mattina del Sindaco Mauro Demichelis nel cantiere delle scuole Primarie Angelo Silvio Novaro di via Cavour ad Andora dove sono in corso i lavori di consolidamento statico dell’edificio chiuso, nel maggio del 2017, perché a rischio crollo.

Accompagnato dalla Dirigente comunale Ingegner Nicoletta Oreggia, dal Direttore dei lavori Ingegner Emilio Brovelli e dai responsabili della ditta appaltatrice, ha voluto verificare lo stato di avanzamento delle procedure di rinforzo dell’edificio i cui pilastri vengono avvolti da fibre di carbonio e da barre di acciaio applicate lungo le strutture portanti.

“Nell’Italia dei crolli quotidiani all’interno delle scuole, Andora si distingue per la velocità e l’incisività con cui ha reagito a questa grave problematica ereditata dal passato – ha detto il Sindaco Mauro Demichelis – I lavori proseguono spediti. È già stato rinforzato il vano scala sui tutti e tre i piani con la realizzazione di tre muri perimetrali. Si tratta di una zona importante che assicurerà stabilità all’edificio. La ditta, infatti, ha fortificato anche le fondamenta con la posa di plinti -ha spiegato il Sindaco Mauro Demichelis -Inoltre, le strutture portanti del terzo piano sono state già avvolte dalle fibre di carbonio e da intelaiature in acciaio. In questo momento stanno lavorando una ventina di operai che, la prossima settimana, raddoppieranno”.

“Abbiamo chiesto di coordinare il più possibile le varie lavorazioni, in modo da ottimizzare i tempi e rispettare il cronoprogramma che prevede che l’edificio sia pronto ad agosto, in modo da consegnare agli alunni, alle famiglie e al personale scolastico la scuola che meritano: sicura, sana, a norma di legge e completamente rinnovata. Come già accaduto per le scuole medie, ci sarà il rinnovo totale delle aule, dei corridoi, delle pavimentazioni, degli impianti elettrici e idraulici, con il rifacimento totale dei bagni che avranno anche nuove porte e la posa del cappotto sulla facciata”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*