Spazi finanziari: il CAL approva 9 mln di euro per investimenti nei comuni liguri

È stata approvata oggi all’unanimità dal Consiglio delle Autonomie Locali della Liguria l’Intesa Regionale per gli Investimenti (art.10 commi 3 e 5 della L. 243/2012) Regione-ANCI-Cal che attribuisce ai Comuni liguri 9 +2 milioni di euro di spazi finanziari, ai sensi del DPCM 21/02/2017 n. 21 art. 2.

Gli Enti locali “virtuosi” ogni anno con il pareggio di bilancio possono produrre degli avanzi di amministrazione che, però, non possono utilizzare per realizzare investimenti in opere pubbliche, a causa di stringenti normative nazionali ed europee. Per poter utilizzare l’avanzo, è necessario “sbloccarlo” con una apposita manovra denominata “sblocco di spazi finanziari”, che Regione Liguria ha fatto, mettendo a disposizione dei Comuni liguri spazi finanziari verticali, cioè senza obbligo di restituzione delle somme, per circa 9 milioni di euro. I Comuni potranno finalmente realizzare opere pubbliche messe in cantiere e ferme da tempo per garantire i servizi indispensabili – come strade e scuole – offerti ai cittadini.

«Un’importante boccata d’ossigeno per i Comuni liguri – commenta il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti –  i sindaci potranno servirsi di questi fondi per investimenti importanti, necessari ai cittadini. Come già accaduto due anni fa e nel 2017, siamo accanto ai Comuni, sempre attenti a cogliere le necessità e le urgenze di un territorio bellissimo e fragile come quello della Liguria, che ha costante bisogno di investimenti, ad esempio sul fronte della sicurezza idrogeologica. In più, quest’anno i fondi saranno già disponibili in primavera, e non a partire dall’autunno, come avveniva in precedenza: questo darà alla amministrazioni la possibilità di programmare meglio e impegnare le risorse da subito», conclude Toti.

«Siamo soddisfatti per l’approvazione unanime del Cal di un provvedimento che dà una mano significativa agli Enti locali liguri – commenta il coordinatore della commissione Finanza locale ANCI Liguria Gianluca Buccilli – Le intese come questa, basata su criteri equi di ripartizione dei fondi, sono un successo e una conquista importante di ANCI ai tavoli di negoziazione regionali. Grazie al direttore generale Pierluigi Vinai e grazie anche alla disponibilità del presidente Toti, che si è impegnato davvero in prima persona per la causa, riuscendo ad aumentare la cifra inizialmente pattuita di 5 milioni a 9. Ora, però – conclude Buccilli – questi spazi devono essere impegnati senza indugio, perché un conto è riceverli a ottobre, come avveniva prima, altro conto è riceverli ad aprile e poterli utilizzare subito. Se si verificasse l’overshooting non avremmo giustificazioni».

Ai 9 milioni di euro di spazi finanziari verticali si aggiungono altri 2 milioni di euro di spazi finanziari orizzontali, messi a disposizione dal Comune di Genova:

«Un’azione importante con un obiettivo nobile – commenta l’assessore all’Ambiente e Rifiuti del Comune di Genova Matteo Campora – basato sul principio della solidarietà: sostenere la grande famiglia dei Comuni della nostra regione, soprattutto quelli più piccoli. Il percorso di sensibilizzazione al principio della solidarietà orizzontale tra Comuni sta cominciando a dare i suoi buoni frutti», conclude Campora.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*