Internet per diventare dei PRO: dal poker agli eSports, passando per le nuove professioni digitali

Ogni professionista che si rispetti vive di ambizioni: sente sempre la voglia di fare meglio di prima e degli altri, per conquistare una sua fetta di mercato, e per superare sempre i propri concorrenti diretti. Questa regola può essere applicata in qualsiasi campo della vita, dalle professioni al gaming, e necessita di anni di pratica e di studio, per poter risultare efficace. In realtà, sebbene Internet abbia anche ampliato la concorrenza, il web permette oggi di appropriarsi di una marea di competenze utili per velocizzare questa fase: l’apprendimento delle tecniche e dei segreti per diventare degli autentici PRO nel proprio campo di riferimento. Ecco spiegato perché oggi vi daremo alcuni consigli utili per approcciare la rete con questo intento.

eSports: quando il videogaming diventa competitivo
Gli anni dei videogiochi vissuti come meri passatempi appartengono oramai ad un passato quasi remoto: oggi, infatti, i videogames possono essere visti al pari di una competizione internazionale sportiva, come ad esempio la Champions League. Sebbene esistano delle ovvie differenze fra questi casi, gli sport elettronici stanno davvero conquistando le piazze italiane e mondiali: in pratica, i videogiochi diventano il canale di una competizione fatta di team professionistici e di sponsor, di premi e di coppe. Come diventare dei PRO negli eSports? Intanto è meglio scegliere un solo gioco e concentrarsi su di esso: potrebbe essere un FPS come Call of Duty, oppure un videogame di calcio come FIFA. Una volta scelto il gioco, bisogna allenarsi nel padroneggiare gli strumenti scelti: una cosa è giocare sulla console, un’altra è partecipare alle competizioni con il computer, perché cambiano tantissimi aspetti. Pratica e studio sono i successivi step da intraprendere, ed è qui che entra in gioco Internet: molti PRO sono diventati tali grazie ai video su YouTube o agli streaming live su Twitch. Infine, quando vi sentirete pronti, potrete cercare un’associazione italiana di eSports (come ITeSPA), richiedere l’iscrizione e cominciare a farvi strada in questo mondo.

Come diventare dei PRO a poker?
Non vi è alcun dubbio sul fatto che il poker rappresenti uno dei giochi d’azzardo più gettonati in Italia, con un giro d’affari di oltre 130 milioni di euro nel 2017. Essendo basato molto sulla competizione, è necessario saperlo padroneggiare in ogni suo aspetto, per diventare un autentico PRO. Nello specifico, uno dei primi elementi da tenere a mente è il calcolo delle Pot Odds, ovvero le probabilità al poker, utili per prendere decisioni importanti durante la partita. Bisogna anche comprendere quanto sia importante la matematica e il calcolo delle probabilità, per avere successo in un gioco spesso dominato da questi fattori. Poi, è il caso di cominciare a studiare le mimiche facciali per poter impiegare dei bluff che risultino credibili ai fini della vittoria. Un altro aspetto fondamentale da tenere in considerazione per diventare dei professionisti del poker, è la gestione del bankroll: soprattutto quando il poker comincia a diventare una cosa seria e non più un semplice hobby. Infine, serve anche un necessario periodo di prova da professionisti, per capire se si è tagliati per questa vita: non tutti, infatti, possono ambire a raggiungere livelli alti nel poker.

Vincere nelle nuove professioni grazie al web
Il web, da un punto di vista professionale, non diventa un semplice canale informativo, ma anche una vera e propria fonte di lavoro. Basti pensare alle nuove professioni, orientate proprio al web e alle logiche che lo compongono: il social media specialist, il SEO, il blogger e via discorrendo. Ognuna di queste figure trova in rete un mondo fatto di mille opportunità, le quali possono essere approfondite tramite svariati corsi, tutorial e articoli online. In breve, studiando su Internet questi argomenti, è possibile poi padroneggiarli per poter lavorare senza lasciare la rete. Altri esempi di ciò sono dati dagli sviluppatori di siti web e dai programmatori di app per smartphone: sebbene nel secondo caso servano necessariamente competenze più specifiche, che non possono limitarsi ad uno studio autonomo. Quali sono i consigli per diventare dei PRO in questi campi? Cominciare con il fai da te, sfruttare le piattaforme apposite per prendere i primi lavoretti, e successivamente lavorare con un sito vetrina e sfruttando il networking (LinkedIn ad esempio).

Professionisti su Internet: altri consigli utili
Che si tratti di lavoro o di gioco, esistono delle “soft skills” che non vanno mai sottovalutate: chi vuole avere successo sfruttando il web, deve necessariamente passare svariate ore a studiare la teoria, prima di potersi cimentare con la pratica. Questo perché bisogna innanzitutto fissare quei concetti che, poi, serviranno per sviluppare determinate strategie di successo: un PRO gamer, ad esempio, dovrebbe sempre analizzare con cura le tecniche usate dagli avversari durante i live games. Il professionista del SEO, invece, non può non partire da una audit dei mercati e della concorrenza, oltre che dallo studio di strumenti e tools molto tecnici.

GOS del nucleo della Spezia fa brillare bomba

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*