Benessere cittadini Liguria: poveri a Varese Ligure, ricchi a Lerici

La mappa del Mef che misura il benessere dei cittadini basandosi sull’Irpef rivela che in Val di Vara la situazione economica è quella più difficile, mentre nel resto del Golfo ci sono persone con redditi più alti.

Irpef 2017 Italia, la tendenza in Liguria
Sono stati elaborati i dati IRPEF 2017 e non fanno che confermare una tendenza precisa, secondo la quale la massa di povertà più consistente al Sud, mentre chi gode di più ricchezza si concentra nelle grandi città. Il Dipartimento delle Finanze del Mef misurano una mappa precisa del fenomeno, tanto che è interessante osservare una spaccatura netta della Regione Liguria, economicamente parlando. Si parla, ovviamente, di redditi dichiarati e non sono stati contati eventuali elusioni ed evasioni. I dati indicano che la media nazionale nel 2017 ammonta al 29,13% di italiani che ha dichiarato meno di 10mila Euro e che il numero di coloro i quali hanno dichiarato un imponibile superiore ai 55mila Euro si conta sullo 4,34%. Una mappa colorata molto curiosa, in cui i territori con tinta arancione hanno una percentuale superiore alla media, mentre in azzurro sono segnati quelli di media inferiore.

Benessere Liguria, i redditi dei Comuni
Una definizione netta che spacca l’Italia e soprattutto il territorio ligure. Nella zona appenninica di confine tra la Liguria, la Toscana e anche l’Emilia Romagna, le percentuali dei redditi non sembrano così distanti da chi purtroppo ha problemi economici in questo momento storico. Il comune con la maggiore percentuale di imponibili inferiori ai 10mila Euro si trova nelle Prealpi comasche, a due passi dalla ricca Svizzera e si chiama Cavargna. Qui, il 73,5% dei residenti ha dichiarato meno di 10mila Euro. In provincia della Spezia, il Comune con la percentuale più alta è Varese Ligure, con la bellezza di 37,44% dichiarazioni di residenti con meno di 10mila Euro. Seguono Rocchetta con 37,10%, Maissana con percentuale 33,19%, il 32,36% di Zignano, a seguire rispettivamente Carrodano e Framura con il 32,24% e 31,18%. In testa alla classifica appare un comune delle Cinque Terre, Riomaggiore, il quale totalizza 18,78%. Il Comune italiano con più benessere è Basiglio, a Milano Sud, con 55mmila Euro di reddito, ma è un caso isolato, visto che i redditi alti tendono a concentrarsi nelle grandi città. Appunto a Milano un residente su otto risulta aver guadagnato più di 55mila euro, mentre a Roma il rapporto è uno su dodici. Tornando in territorio ligure, la provincia della Spezia ha Lerici con una percentuale del 7,85%, seguito da Porto Venere con il 7,4%, Monterosso con 6,54%, Ameglia con 5,3%. Il capoluogo spezzino invece raggiunge appena quota 4,55%. Chi dichiara guadagni, ma anche chi dichiara poco, come Platì in provincia di Reggio Calabria, e nel territorio ligure Rocchetta, Maissana e Zignago.

Incrementare il proprio reddito col trading online
Cosa fare quando il lavoro non c’è e non si hanno rendite? Si può inventare una occupazione, usando semplicemente un PC connesso a Internet e poche, ma efficaci, conoscenze di economia. Una piattaforma che è più un gioco che un simulatore di Borsa, un vero e proprio trading on Borsa Virtuale creato allo scopo di imparare i segreti e soprattutto le strategie di come giocare in Borsa attraverso una piattaforma seria e affidabile e soprattutto gratuita, utile come conto DEMO associato a piattaforme di broker approvate dalla CONSOB.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*