Albenga da fiaba: si inaugura Fior d’Albenga 2018 (foto)

Albenga. Sabato alle 11 inaugurazione di Fior d’Albenga 2018. «Fior d’Albenga con il concorso Fior d’Albenga una città da Favola ha trasformato il Centro storico in un luogo magico, che ci riporta tutti ad essere un po’ bambini, ogni piazza è dedicata ad una fiaba, personaggi, casette, situazioni che ci riportano alla fanciullezza» si legge nella presentazione della manifestazione.

Alle 11.00 in Piazza San Michele si inaugura la manifestazione, alla presenza delle autorità, dell’Associazione Fior d’Albenga, «si darà il via ad un mese di eventi che promuoveranno Albenga, le sue eccellenze e non solo, ben 17 comuni della zona hanno voluto essere presenti con le loro aiuole, (Alassio, Andora, Arnasco, Casanova, Castelbianco, Castelvecchio, Cisano, Garlenda, Erli, Nasino, Onzo, Ortovero, Stellanello, Testico, Vendone, Villanova e Zuccarello) riconoscendo a Fior d’Albenga il ruolo di vetrina primaverile per far conoscere anche le loro peculiarità. Per la prima volta, anche l’ufficio turismo, capitanato dall’Assessore Passino ha realizzato un piccola ma significativa aiuola che invita a visitare Albenga con l’andatura di Emys, la nostra tartaruga autoctona, per godere delle bellezze e delle eccellenze enogastronomiche con tranquillità invitando ad un turismo consapevole che possa apprezzare il molto che la zona può offrire».

Dopo il taglio del nastro sabato si renderà noto il podio delle tre aiuole più belle, a giudicarle arriveranno esperti di florovivaismo dalla Toscana e dal Piemonte, contattati dalle Associazioni di categoria agricole (Coldiretti, C.I.A. e Confagricoltura). Infine, «dopo una passeggiata per ammirare la bellezza delle aiuole, tutti insieme in Piazza del Popolo per “Firma e Pesta”, un altro momento dedicato alla raccolta firme per promuovere il pesto al mortaio come Patrimonio Immateriale dell’Unesco, al quale seguirà un aperitivo con degustazione di trofie al pesto».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*