Alla Fornace Alba Docilia le diverse anime di ‘Progetto streghe’

Le diverse anime di ‘Progetto streghe’ si incontrano giovedì 22 marzo alla Fornace Alba Docilia di Albissola Marina per fare il punto sulle varie iniziative, da quelle già concretizzate a quelle in corso d’opera o programmate per i prossimi mesi.

C’è di tutto e di più nel pentolone delle streghe. Un anno e mezzo di appuntamenti, che sono cominciati nella primavera 2017 e che dureranno fino a tutto il 2018. Eventi che si rincorrono e che i vari organizzatori stanno realizzando all’insegna della fantasia che un argomento come le streghe stimola. Ci sono tradizioni e credenze, arte e spettacoli, appuntamenti che verranno riproposti a distanza di decenni da quando erano in voga, ma anche gite didattiche (ad esempio, si andrà in una valle piemontese alla scoperta delle ‘masche’) per arrivare alla sintesi rappresentata da un libro che sarà pubblicato nel mese di novembre. Passando per le erbe, che hanno avuto un ruolo fondamentale (e spesso quanto mai pratico) nelle credenze popolari: dal loro uso in cucina, all’utilizzo nella preparazione di medicamenti. Tutto questo, nell’immaginario collettivo, contiene il pentolone delle streghe.

E sarà proprio una pignatta, ovviamente di terracotta, il simbolo e il punto d’unione del progetto, attraverso il logo, realizzato da Enrica Noceto, che sarà presentato, assieme a tutte le iniziative, giovedì 22 marzo (inizio ore 21) nei locali della Fornace Alba Docilia, nel centro storico di Albissola Marina, in una serata dal titolo ‘Compito in classe: le streghe’. I protagonisti (e tutti coloro che sono interessati all’argomento) si ritroveranno per fare il punto della situazione. Sono invitati insegnanti delle elementari e delle medie dell’Istituto comprensivo delle Albisole, i partecipanti ai corsi Unitre di Albissola Marina e Albisola Superiore, i rappresentanti di associazioni e tutti coloro che, anche a titolo personale, hanno aderito al progetto.

In Fornace, intanto, fino a domenica 25 marzo (orari: giovedì 17-19, sabato e domenica 10-12 e 17-19) prosegue la mostra ‘La fabbrica e l’artista, Gianluca Somaschi alle Ceramiche San Giorgio’ curata da Simona Poggi e Daniela Lauria dell’Associazione culturale Arte Doc, mentre, al giovedì, dalle 17 alle 18 è sempre in programma ‘Inuetta’, l’oretta in cui si parla in dialetto, e dalle 18 alle 19 Lello Ceravolo prosegue il suo corso di lettura espressiva. Venerdì 30 marzo, alle 17, sarà inaugurata la nuova mostra, dal titolo “Favole di terre d’altrove”, curata da Vittorio Amedeo Sacco..

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*