Carcare, nasce la figura dell’ ecovolontario

Giovedì 15 Marzo alle ore 16.30 saranno gli operatori della ditta PROTEO a spiegare, insieme all’assessore alle attività produttive Christian De Vecchi, le mansioni di natura collaborativa che andranno a svolgere gli eco volontari sul territorio del Comune di Carcare. Prima virtù necessaria? Ovviamente quella di essere animati da una grande sensibilità alle tematiche ambientali e da tanta voglia di prendersi cura del proprio paese. Il progetto nasce in relazione al recente cambio di sistema di raccolta dei rifiuti urbani, passato ad un modello “porta a porta spinto” su tutto il territorio di Carcare che, ha già determinato un incremento di percentuale al 75%. Attualmente sono una quindicina le domande pervenute agli uffici comunali, le iscrizioni sono sempre aperte, per farlo è sufficiente presentarsi all’ecosportello nelle giornate di apertura il Mecoledì e il Sabato mattina. La giornata di Giovedì è aperta a tutti i cittadini interessati.

Le qualità necessarie per poter diventare ecovolontario sono le stesse previste dall’iscrizione all’Albo dei Volontari Comunali, infatti il punto di origine della nascita di questa nuova figura è legata alla presenza di un già collaudato registro comunale, dove i volontari intenzionati a collaborare con il Comune in vari settori della vita sociale della comunità paesana possono farlo regolarmente.

In merito all’iniziativa è lo stesso assessore De Vecchi a riferire: “L’albo dei Volontari è attivo nel Comune di Carcare dal 2011, la figura dell’ecovolontario sarà identica a quella di tutti gli altri volontari che costantemente o saltuariamente vogliono rendersi parte attiva in iniziative a favore della collettività. Quello di Giovedì pomeriggio sarà un incontro conoscitivo cui ne seguiranno a breve altri, per esempio per il 9 e 10 di Aprile sono già programmate due serate dedicate al compostaggio domestico, nelle quali gli eco volontari avranno un ruolo attivo. La loro sensibilità aiuterà ad accrescere le consapevolezze collettive in materia di sostenibilità ambientale e renderà veramente completo il ciclo dei rifiuti urbani sul nostro territorio.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*