Liguria, il grande gelo sta passando: le previsioni fino a domenica

AGGIORNAMENTO. (3 marzo 2018). Dopo il temporaneo miglioramento nella seconda parte della giornata di venerdì, un nuovo peggioramento interessa la Liguria in queste ore con piogge lungo la costa e nevicate, anche intense nelle zone interne. Precipitazioni diffuse, localmente a carattere di rovescio/temporale nevoso, hanno interessato e stanno interessando la zona D con nevicate a Cairo Montenotte, Millesimo e Altare e che coinvolgono anche le tratte autostradali. Neve anche sulla A7 mentre, tra le 9 e le 10, il nivometro del monte Settepani (SV) ha registrato un accumulo di 11 centimetri.

Anche la rete di rilevamento Meteomont registra nevicate moderate in provincia di Savona, nelle località di Dego, Magliolo e Piana Crixia, mentre la neve cade, a Levante, anche in Val d’Aveto. Nelle zone interne le temperature risultano in calo e registrano valori prossimi allo zero o inferiori: Busalla -0.2°C, Campo Ligure -0.3 °C, Montenotte Inferiore -1.3 °C, Roccavignale -0.8°C, Passo del Turchino -1.6°C. Le precipitazioni continueranno fino al tardo pomeriggio (anche sotto forma di rovescio o temporale) con quantitativi che potranno essere significativi su buona parte della regione.

Per quanto riguarda la neve si prevedono fenomeni che interesseranno le tratte autostradali situate nelle zone in allertamento, moderati su D ed E, deboli sull’interno di B. Saranno possibili isolati e temporanei sconfinamenti nella zona costiera centrale della Liguria, con quota neve sui 200-400 metri. Nelle zone interne del Levante quota neve intorno ai 400-600 metri. Attenzione al rischio di gelate diffuse in particolare nelle zone interne. Domani sera saranno possibili nuove spolverate nevose su D: si consiglia di seguire gli aggiornamenti.

La Protezione Civile Regionale ha diffuso L’ALLERTA METEO PER NEVE diramata da Arpal e prolungata oggi (sabato 3 marzo 2018) secondo le seguenti modalità:
ZONE D, E : ARANCIONE FINO ALLE 15 DI OGGI, SABATO 3 MARZO poi GIALLA FINO ALLE 18 SEMPRE DI OGGI;
COMUNI INTERNI DELLA ZONA B: GIALLA PROLUNGATA FINO ALLE 18 DI OGGI, SABATO 3 MARZO.

(2 marzo 2018) L’uscita dalla settimana più fredda dal febbraio 2012 sta avvenendo con il transito della saccatura sull’Italia e sotto la spinta di altri due impulsi perturbati, che porteranno ancora precipitazioni sulla Liguria da domani mattina fino al primo pomeriggio e fra la seconda parte di domenica e lunedì.

Cessato l’allerta arancione sulla Liguria, fino alle 18 resterà l’allerta gialla, mentre una ripresa dei fenomeni è prevista per domani, sabato 3 marzo 2018, a partire dalle 6, con una nuova allerta gialla nell’interno del Genovese e arancione nell’interno del Savonese, per poi chiudersi definitivamente alle 15. Domani, infatti, a partire dalla prima mattinata, un nuovo fronte freddo attraverserà la nostra regione da ponente verso levante, favorendo il passaggio di aria fredda dalla pianura padana con raffiche di burrasca e causando un nuovo calo termico che trasformerà ancora le precipitazioni in neve nelle zone interne. Sarà un passaggio umido e rapido, che nel giro di poche ore potrà far cadere, localmente e nelle zone interne, fino a una decina di centimetri.

Sono questi gli ultimi aggiornamenti meteo comunicati anche questa mattina nel corso del nuovo punto stampa nella Sala della protezione civile regionale alla presenza dei previsori ARPAL, del Presidente di Regione Liguria, dell’assessore regionale alla Protezione civile e del Sindaco di Genova.

Il Presidente Toti ha sottolineato le criticità che si sono determinate in mattinata e nella notte, soprattutto a causa del fenomeno del gelicidio in più parti e per la neve nel Savonese e quanto mai opportuni sono stati gli appelli di ieri per evitare gli spostamenti. Autostrade stanno aprendo e chiudendo a singhiozzo in tutta Italia, anche se le autostrade liguri sono tutte aperte, solo nella notte chiuso un tratto nei pressi di Sestri Levante.

La situazione più difficile – ha ricordato il Presidente – è stata quella delle ferrovie che al momento sono tutte interrotte per il gelicidio. A disposizione degli utenti sui convogli sono stati messi i volontari della Protezione civile perché possano intervenire. Sicuramente ancora una volta si è posto il problema dell’adeguamento dell’infrastruttura ferroviaria, non adatta a sopportare i fenomeni del ghiaccio. L’assessore regionale alla Protezione civile ha ricordato il buon funzionamento della macchina della Protezione civile e l’estrema puntualità delle previsioni, con un anticipo anche di 24 ore.

L’ultimo avviso meteorologico presenta per sabato 3 marzo questo quadro previsionale: dal mattino precipitazioni diffuse a carattere nevoso di intensità moderata su DE e debole su interno di B. Piogge diffuse su AC e costa di B con quantitativi significativi su BC. Fenomeni in attenuazione nel corso del pomeriggio. Dalla mattinata ingresso di venti forti da Nord, di burrasca sui crinali e sulle coste di B. Disagio per freddo su BDE. Mareggiata in scaduta dalle prime ore del mattino su C, molto mosso altrove.

Per domenica 4 marzo è inoltre previsto dal pomeriggio un nuovo peggioramento a partire da Ponente con piogge diffuse e rinforzo della ventilazione.

LA LUNGA NOTTATA GELIDA E LA GIORNATA DI OGGI CON LA VIABILITÀ IN TILT

METEO 

Nel corso della notte nuove precipitazioni hanno iniziato a interessare la regione assumendo carattere nevoso sul Centro-Ponente e sui versanti padani.
La costa tra il ponente genovese e Savona è attualmente interessata da precipitazioni nevose con temperature che si attestano poco sopra lo zero.
Sulle restanti aree costiere le temperature registrano valori maggiori e sono interessate da piogge diffuse.
Nelle prime ore della mattina sono state registrate gelate e locali episodi di gelicidio anche a bassa quota e nell’area genovese.
A causa delle temperature prossime allo zero e delle precipitazioni in atto saranno possibili nelle prossime ore ancora gelate e fenomeni di gelicidio. Una graduale attenuazione dei fenomeni è iniziata a metà giornata.

VENTI

Venti dai quadranti settentrionali ancora sostenuti al mattino tra Genova e Savona con raffiche di burrasca in graduale attenuazione nel corso della giornata. Temperature sotto lo zero sui versanti padani, intorno allo zero sulle coste tra Genova e Albenga, superiori ai 4°C sulle coste di Ponente e di Levante. Mare tra mosso e molto mosso in aumento in serata fino ad agitato in particolare sulla costa di Levante.

MACCHINA DELLA PROTEZIONE CIVILE  

Risultano accreditati attualmente 142 volontari di Protezione civile a livello locale; sono ancora attivi 52 Centri Operativi Comunali.La Sala Operativa Regionale è attivata con la presenza del personale Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, Volontari del Coordinamento e dell’Associazione Radioamatori sino a cessate esigenze.
Il Polo regionale di Protezione civile di Villanova d’Albenga è aperto sino a chiusura allerta.

VIABILITÀ

Sulla rete ANAS, il blocco sulla SS1 nel Comune di Moneglia, che era chiusa da stanotte per camion intraversato, è in via di risoluzione.Tale situazione ha determinato gravi problematiche di traffico sulla viabilità locale della provincia della Spezia.Sulle altre province non sono state segnalate situazioni di particolare criticità.

RETE AUTOSTRADALE

In mattinata problemi su tutta la rete autostradale per le nevicate intense. In particolare tra Albisola e Genova (A 10) e sulla A 26 tra il bivio per la A10 e Ovada e sulla A7, tra il bivio A12 e Novi Ligure. Ancora in corso deboli nevicate sulla A10 tra Varazze e Savona e sulla A6 tra Marene e il bivio per la A10.Per le intense nevicate in atto, in mattinata disposto blocco dei mezzi pesanti superiori a 7,5 t sulla A7 nel tratto da Genova Bolzaneto al bivio di Novi Ligure in entrambe le direzioni e sulla A26 tra il bivio per la A10 e bivio Diramazione Predosa-Bettole. Sulla A26 in atto il cadenzamento dei veicoli in entrata.La A12, chiusa nel tratto La Spezia/Sestri Levante nella notte, è stata riaperta.La A10 è stata riaperta nel  tratto Pietra Ligure-Savona verso Genova dopo l’incidente occorso in mattinata, con code molto sostenute.

FERROVIE

Il Gruppo FS Italiane ha comunicato l’attivazione, per la Liguria, del Piano Neve. In mattinata totale blocco della circolazione, causa ghiaccio, sulle linee di alimentazione, sulle linea Savona/Genova, Milano/Genova, Ventimiglia/Torino e ritorno. I convogli sono stati fermati nelle stazioni, con gravi ripercussioni su tutto il traffico ferroviario intorno al nodo genovese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*