Conoscere la sofferenza di chi assiste un malato d’Alzheimer

“Conoscere la sofferenza di chi assiste un malato d’Alzheimer”. Presso la libreria Ubik di Savona martedì 23 gennaio alle ore 18 ci sarà la presentazione a cura della neonata Associazione Famiglie Malati d’Alzheimer (AFMA Savona), con la visione del video “La seconda vittima dell’Alzheimer e gli altri”. L’incontro è a cura della Presidente di AFMA Savona, prof. Clara Simioni.

Nel suo Piano Globale sulla Demenza 2017-2025 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ribadito che la vecchiaia non è una malattia. L’Alzheimer invece sì: tutto inizia con qualche disturbo comune, una dimenticanza, magari attribuita alla stanchezza e alla giornata pesante. A volte, passa inosservata. Ma il declino cognitivo è progressivo e a poco a poco distrugge progressivamente le cellule del cervello, facendo perder la memoria, il ragionamento, il linguaggio fino a compromettere a poco a poco la capacità di compiere le normali attività quotidiane.

Ed è dilagante in tutto il mondo, con dieci milioni di nuovi casi ogni anno, uno ogni 3 secondi, che nel 2050 diventeranno 131 milioni, al punto che l’OMS l’ha definita “una marea montante”. Nel nostro paese ne è affetto un ultraottantenne su 4: le persone con demenza sono 1 milione e 241 mila ma la cifra è destinata a raddoppiare nel giro di 30 anni. Gli italiani con malattia di Alzheimer (la forma più comune di demenza per la quale non esiste una cura) sono invece circa 600 mila.

Ma l’Alzheimer fa anche una seconda vittima: il badante, cioè la persona che si dedica ad assistere il malato d’Alzheimer, giorno e notte, spesso isolata, sola, oppressa da sensi di colpa. La nostra Associazione è stata creata anche per questo, per diventare un punto di riferimento per questi assistenti familiari che a Savona stanno aumentando in modo consistente, visto il crescere dell’età media della popolazione.

Per contatti: AFMA Via Zara, 5 – 17100 Savona Tel. 348/6409958 e-mail: afma.savona@gmail.com – https://afma-savona.jimdo.com/

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*