Teatro. La scortecata di Emma Dante rilegge Lo Cunto de li Cunti di Basile

Genova. Venerdì 26 e sabato 27 gennaio alle ore 21 il Teatro Gustavo Modena accoglie La scortecata, recente lavoro teatrale di Emma Dante. La regista che ha segnato in modo indelebile la scena teatrale italiana degli ultimi quindici anni, si confronta con la scrittura barocca di Giambattista Basile e con l’opera che ha recentemente ispirato il film di Matteo Garrone The Tale of Tales.

Lo Cunto de li Cunti, noto anche col titolo di Pentamerone, pubblicato tra il 1634 e il 1636, è una raccolta di cinquanta fiabe raccontate in cinque giornate. Ispirandosi alle favole popolari, Giambattista Basile crea “dal basso” un mondo sofisticato, in cui il dialetto napoletano dei personaggi, nutrito di proverbi ed espressioni gergali, produce modi e forme espressamente teatrali, a metà strada tra la Commedia dell’arte e i dialoghi shakespeariani.

La scortecata è la storia di due sorelle vecchissime, che vivono in una reclusione che le inselvatichisce, mal sopportandosi a vicenda ma allo stesso tempo senza potere fare a meno l’una dell’altra, sino al giorno in cui un re si innamora della voce di una delle due. Ingannato dal dito levigato che quest’ultima gli mostra dal buco della serratura, il re la invita a dormire con lui, per poi scaraventarla dalla finestra appena ne scopre il vero aspetto. Una fata la salverà, trasformandola in una bellissima giovane, mentre all’altra sorella non resterà che farsi scorticare nella speranza di ritrovare la pelle nuova sotto quella vecchia.

Grottesco e a tratti irresistibilmente comico, lo spettacolo è affidato a due uomini – gli attori Salvatore D’Onofrio e Carmine Maringola – che interpretano ruoli femminili come nella tradizione del teatro settecentesco, incarnando tutti i personaggi. Bastano due “seggiulelle”, una porta e un castello in miniatura per evocare un sogno di amore e giovinezza che si scontra con l’emarginazione, la miseria e il rimpianto.

Biglietti per lo spettacolo da 12 a 25 euro. Sabato 27 gennaio, alle ore 18.30, al Teatro Modena si terrà inoltre un incontro aperitivo a cura dell’Associazione Amici dell’Archivolto con i protagonisti dello spettacolo Salvatore D’Onofrio e Carmine Maringola. Ingresso libero.

Vittoria Buratta: cosa cambia con il nuovo Censimento permanente della popolazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*