Tradizioni religiose, festeggiamenti in onore di San Rocco a Carcare

Non è il patrono del paese ma il rapporto che i carcaresi nutrono nei confronti del santo protettore dei pellegrini e protettore dal flagello della peste ha un consolidato rapporto storico, non a caso, verso il fondo di via Castellani si trova una cappella a lui dedicata dalle origini fondative molto antiche.

Un’architettura semplice, circondata da un giardino, nella quale epigrafi ricordano che per anni vi furono sepolti i Padri Scolopi, la cui cura e manutenzione, oggi è direttamente seguita dal Gruppo Comunale degli Alpini che nel 2003 fu attore di un importante intervento di recupero e restauro.

Come consuetudine nel giorno di San Rocco, il 16 Agosto, alle ore 20.30 la Parrocchia di Carcare vi celebra la tradizionale Santa Messa al termine della quale seguirà la benedizione e distribuzione del pane di San rocco. Officerà il Parroco di Carcare Padre Italo Levo. Terminata la funzione religiosa seguirà a cura del Comune di Carcare e della Parrocchia un approfondimento storico e culturale sulla figura del Santo con la partecipazione dello storico Giorgio Amico e dello studioso Renato Breviglieri.

Considerato il legame che unisce la Cappella di San Rocco alla figura di San Giuseppe Calsanzio, che secondo la tradizione dell’agiografia popolare in questo luogo nel 1620 liberò un ossesso dal demonio, saranno presenti anche i rappresentanti del Centro Culturale di Educazione Permanente e dell’Unione degli Studenti Calasanziani.