Pari opportunità, al via la commissione Confprofessioni

Al via la Commissione per le pari opportunità nelle libere professioni. Sulla scia delle diverse iniziative promosse sul territorio e dell’impegno assunto dalla Confederazione nell’ambito delle politiche di genere, si è insediato il 6 luglio scorso a Roma il nuovo organismo che avrà il compito di promuovere all’interno del sistema confederale i temi del disequilibro di genere, sviluppare azioni di studio, sensibilizzazione e proposte d’intervento.

La Commissione risulta composta da Claudia Alessandrelli, notaio, delegata dalla Giunta esecutiva nazionale di Confprofessioni; Anna Maria Granata, consulente del lavoro; Maria Paglia, dottore commercialista; Susanna Pisano, avvocato; Dominella Quagliata, psicologa.

Le professioniste chiamate da Confprofessioni «vantano una ricca esperienza sul campo delle pari opportunità e avranno il compito di promuovere analisi periodiche per monitorare la presenza di donne nelle professioni; individuare nuovi fabbisogni di welfare e forme di incentivazione del lavoro femminile; sostenere l’impegno confederale nell’ambito del progetto ProRete per la partecipazione delle professioniste nei cda delle società pubbliche e quotate. Il nuovo organismo rappresenta un importante impegno di responsabilità sociale ed è in linea con le iniziative già messe in cantiere da Confprofessioni con il Dipartimento delle Pari opportunità per lo sviluppo delle politiche di genere».