Savona aderisce alla “Nuova Carta europea dei diritti delle donne nello sport”

Promuovere l’attività sportiva per tutti, senza diseguaglianze di genere. È con queste finalità che l’Amministrazione Comunale di Savona ha aderito ai principi della “Nuova Carta europea dei diritti delle donne nello sport”, su proposta della FIDAPA – Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari – Distretto Nord Ovest – Sezione di Savona. A darne l’annuncio è Maurizio Scaramuzza, Assessore allo Sport della Città della Torretta: “Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta della FIDAPA di Savona, associazione senza scopo di lucro, che ha richiesto all’Amministrazione, nell’ambito dell’impegno dell’empowerment della donna, di condividere i principi contenuti nella nuova Carta europea dei diritti delle donne nello sport, una serie di valori che condividiamo e che rientrano pienamente negli obiettivi statutari del Comune”.

La Carta europea dei diritti delle donne nello sport è indirizzata a tutte quelle realtà – pubbliche e private – che possano avere un impatto diretto o indiretto sulla promozione dello “sport per tutti”, in particolare per incentivare campagne a favore delle pari opportunità tra donne e uomini nello sport. All’interno del documento, una serie di principi per eliminare le disuguaglianze di genere, i pregiudizi e ogni tipo di differenza in termini di pari opportunità.

“Tutti hanno diritto a praticare sport, senza distinzioni né discriminazioni, nella totale parità di genere. Oltre a garantire l’accesso a tutti, è inoltre importante promuovere con ogni strumento a disposizione la partecipazione delle donne nello sport. Per questo motivo, grazie alla proposta della FIDAPA di Savona, abbiamo abbracciato i contenuti della nuova Carta europea dei diritti delle donne nello sport, alla quale vogliamo dare seguito concreto sul territorio”, conclude l’Assessore allo Sport Maurizio Scaramuzza.