Al via progetto “Savona Città dei Papi e della Solidarietà”

Valorizzare i beni culturali e religiosi del territorio, recuperare percorsi verdi e, al tempo stesso, favorire l’inclusione sociale. Sono questi gli elementi che caratterizzano il progetto “Savona Città dei Papi”, recentemente avviato dal Comune di Savona, con il partner istituzionale ASP Opere Sociali Nostra Signora della Misericordia, all’interno del”Invito a presentare operazioni finalizzate alla realizzazione di interventi integrati per favorire l’inserimento socio lavorativo di soggetti a rischio di emarginazione sociale a valere sul programma operativo FSE Liguria 2014-2020, Asse 2 – Inclusione sociale e lotta alla povertà, priorità d’investimento 9i, obiettivo specifico 9.2 – Abilità al plurale”.

L’ente comunale, assieme alle altre realtà coinvolte, ha attivato un percorso di co-progettazione individuando quale asse tematico l’inclusione sociale nel settore turistico, con particolare riferimento alla valorizzazione dei beni culturali e religiosi del territorio comunale, coniugando il recupero del patrimonio esistente con la realizzazione di percorsi verdi finalizzati a raggiungere e rendere attrattive aree poco sfruttate ma ricche di potenzialità. Al termine di questo percorso è stato presentato e successivamente approvato il progetto “Savona Città dei Papi e della Solidarietà”, a cura del Comune e di Opere Sociali, che ne hanno gestito la regia della progettazione delle attività e che garantiranno le azioni trasversali e di garanzia.

“Si tratta di un importante percorso di inclusione sociale nel settore turistico, che permette di incidere con interventi concreti sull’inserimento lavorativo di diverse decine di Savonesi in cerca di un’occupazione, nonché di puntare sulla valorizzazione del patrimonio culturale del nostro territorio, potenziando ulteriormente l’offerta turistica”, commenta il Sindaco di Savona Ilaria Caprioglio.

Più nel dettaglio, il settore dei Servizi Sociali del Comune di Savona avrà il ruolo di individuare i settanta soggetti dell’attività di orientamento tra i propri assistiti in AREA 5 e AREA 1 (fenomeni di nuova povertà, persone senza fissa dimora e colpiti da esclusione abitativa, persone prive di titolo di studio (area 5) o persone con disabilità (Area 2) che devono essere: disoccupati e persone in stato di non occupazione; maggiori di 18 anni; residenti a Savona. I settanta destinatari passeranno a una successiva attività di orientamento, gestita da due enti di formazione partner del progetto, ESE e Isforcoop. Al termine dell’attività di orientamento saranno individuati i destinatari definitivi, nel numero di 62 e avrà inizio l’attivazione di attività di formazione breve (200 ore medie ciascuna) e l’attivazione di work experience della durata di mesi n. 6, finalizzata all’inserimento lavorativo.

L’attività di formazione sarà gestita dagli enti di formazione Aesseffe, CFLC, ESE e Isforcoop. A settembre, saranno avviati i corsi di “Recupero, restauro e finiture” (10 allievi – durata 200 ore); “Sentieristica, ingegneria naturalistica” (10 allievi – durata 200 ore); “Aiuto cucina: il prodotto tipico ligure” (10 allievi – durata 200 ore). A gennaio 2018, i corsi “Animatore culturale tra territorio, cultura e turismo” (10 allievi -durata 200 ore); “Formazione breve: strutture ricettive e gestione operativa ordinaria” (10 allievi – durata 146 ore); “Carpentiere – manutentore strutture lignee e miste legno-metallo” (10 allievi – durata 140 ore). Per tutte le attività formative e per le work experience sono previste indennità a favore dei partecipanti, oltre a benefici assunzionali a favore delle Aziende che al termine dell’attività progettuale prevedano l’assunzione di una quota dei partecipanti.

Le aziende Coedis, Consorzio Due Riviere, Coop. Solida, Il Giardino Più Bello, partner del progetto, ospiteranno work experience e saranno coinvolte attivamente nei programmi. In alcuni casi, anche nelle docenze dei percorsi formativi, impegnandosi nella creazione di opportunità occupazionali sia attraverso l’ampliamento delle proprie attività, sia all’esterno attraverso il coinvolgimento di imprese attive nei settori di riferimento.

Tra le ricadute del progetto: il potenziamento dell’attuale Info Point in Darsena; l’apertura di un nuovo centro informazioni nel Centro Storico, interno al chiostro della Cappella Sistina adiacente al Duomo di Savona, con biglietteria, info point, punto vendita e book shop, al fine di promuovere integrazione tra la valorizzazione del patrimonio artistico culturale e più in generale delle risorse umane e imprenditoriali della Provincia di Savona; l’apertura e gestione di un albergo per ferie, a cura della Cooperativa Solida in collaborazione con la Diocesi Savona Noli, la Fondazione Diocesana Comunità Servizi, la Caritas diocesana Savona Noli, nel complesso del Seminario vescovile di Savona; la realizzazione di un percorso naturalistico collegato al Santuario N.S. Misericordia, realizzato dall’ente Scuola Edile con la collaborazione di Aesseffe e del Giardino Più Bello, per integrare il pacchetto di offerta turistica per escursioni, a disposizione della cittadinanza: si tratta del recupero e dell’allestimento di un’area prossima al quartiere del Santuario e al corrispondente patrimonio di beni religiosi, da destinare a passeggio e attività all’aperto, adeguatamente attrezzata.