Blue Economy, Laigueglia ed Elfo sostengono le filiere legate al turismo del mare

L’amministrazione comunale di Laigueglia è intervenuta, a fianco di ELFo Liguria, alla conferenza stampa quale Ente coinvolto nell’analisi e nella progettazione di nuove figure professionali collegate ai segmenti turistici del mare, presentando i nuovi servizi legati agli sport acquatici, alla talassoterapia e al diportismo.

L’ATS con capofila ELFo Liguria in ATS con E.S.E. (Ente Paritetico per la Formazione e la Sicurezza in Edilizia della Provincia di Savona), CE.SCO.T. Savona, ASFOTER, FUTURA, LGO (Laboratorio del gusto e dell’ospitalità’)e Valbormida Formazione si è aggiudicata con il progetto Blu Oltremare sette corsi di formazione rivolti a 84 disoccupati / non occupati giovani e adulti, nelle filiere turismo marittimo e costiero e porti e logistica per figure riconducibili alle aree 16 e 24 del Repertorio Ligure delle figure professionali: animatore turistico, addetto alla formazione turistica, frigorista, operatore tecnico subacqueo, pizzaiolo, aiuto cuoco con competenze nella valorizzazione del prodotto ittico locale e barista/barman con competenze nell’accoglienza turistica costiera e balneare.

I profili sono stati «individuati in base ad un’analisi propedeutica dei fabbisogni delle associazioni di categoria, Enti Pubblici, ed aziende leader del mercato di riferimento. Il progetto finanziato dalla Regione Liguria risponde alla domanda di un turismo sempre più experience che richiede risposte specifiche, così come tutte le attività di promozione e animazione. I percorsi così come strutturati saranno in grado di formare professionisti capaci di soddisfare i nuovi bisogni nel campo dell’ animazione territoriale, della ristorazione e dei servizi legati turismo climatico balneare e degli sport acquatici».

L’obiettivo primario del progetto, finanziato con fondi POR FSE Liguria 2014-2020, è quello di attivare un’offerta di animazione territoriale, che coinvolga ristoratori, albergatori, operatori del turismo allargato, titolari di stabilimenti balneari, attraverso figure professionali quali l’animatore e dell’addetto all’informazione turistica con competenze 2.0 in grado di valorizzare attraverso il social media marketing lo straordinario patrimonio di emozioni della vacanza “Made in Liguria”.