A scuola con la Guardia di Finanza: conclusi gli incontri con gli studenti della provincia di Savona

La Guardia di Finanza di Savona, per il tramite dei vari Reparti dislocati sul territorio della provincia, ha portato a termine il programma degli incontri iniziati nel mese di marzo di quest’anno, nell’ambito del progetto “Educazione alla Legalità Economica, di cui al Protocollo d’Intesa stipulato tra il Corpo della Guardia di Finanza ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, quinta edizione dell’anno scolastico 2016/2017.

All’iniziativa, articolata in incontri che si sono tenuti in 19 Istituti Scolastici, hanno preso parte più di 1.300 studenti, frequentatori delle ultime due classi della Scuola Primaria, delle ultime due classi della Scuola Secondaria di Primo Grado e delle ultime due classi della Scuola Secondaria di Secondo Grado.

Le Fiamme Gialle, in particolare hanno fatto visita a:

5 Scuole Primarie: ”Val Varatella” di Toirano/Borghetto (SV), “G. Rodari” di Carcare (SV), “Colombo” di Savona, “G. Mameli” di Savona; “Carando” di Savona;

8 Scuole Secondarie di Primo Grado: “Aycardi – Ghiglieri” di Finale Ligure (SV), “Pertini”– due sedi – di Savona, Istituto comprensivo “Savona IV” di Savona, “M.M. Ollandini” di Alassio (SV), “Mameli – Alighieri” di Albenga (SV), “G. Bertagna” di Cengio (SV), “G. C. Abba” di Cairo Montenotte (SV);

6 Scuole Secondarie di Secondo Grado: ITCG “Patetta” di Cairo Montenotte (SV), Liceo Statale “San Giuseppe Calasanzio” di Carcare (SV), Liceo Statale “G. Bruno” di Albenga (SV), Istituto Professionale Agrario “D. Aicardi” di Albenga, ITC “Boselli” di Savona, Istituto “G. Falcone” di Loano (SV).

I Finanzieri impegnati nel progetto, utilizzando interessante materiale audio-video appositamente predisposto, hanno illustrato agli studenti ed insegnanti intervenuti l’attività svolta dal Corpo per contrastare gli illeciti fiscali, il fenomeno della falsificazione e contraffazione, le violazioni dei diritti d’autore, nonché l’uso e lo spaccio delle sostanze stupefacenti.

A molti degli incontri tenuti con gli studenti ha preso parte personale A.T.P.I. (Anti Terrorismo Pronto Impiego) ed unità cinofile, che hanno tenuto diverse dimostrazioni, simulando tecniche di rinvenimento di sostanze stupefacenti.
Sono stati inoltre previsti momenti di discussione e confronto con i ragazzi sul concetto di “legalità economica”, quale valore fondante di ogni società civile, in cui è necessario che il singolo cittadino debba sempre adottare condotte improntate alla lealtà ed al rispetto delle regole.