Savona, ricco programma di iniziative culturali a cura del FAI giovani

Ricco programma di iniziative per la delegazione di Savona del FAI Giovani, associazione composta da giovani volontari di età compresa tra i 18 e i 35 anni, che con dedizione e passione mettono a disposizione il loro tempo, formazione e professionalità per realizzare eventi e progetti che diventino occasione di sensibilizzazione alla cultura e all’ambiente del nostro territorio.

In collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Savona, il FAI Giovani savonese organizza, per giovedì 4 maggio alle 15.00 e alle 21.00 nel Nuovofilmstudio di Piazza Rebagliati presso le Officine Solimano la proiezione del film “Io, Claude Monet” (I, Claude Monet di Phil Grabsky, Gran Bretagna 2016, 90′). La proiezione sarà preceduta da una breve presentazione dell’opera di Monet a cura dei volontari del FAI Giovani.

“Ringraziamo la delegazione savonese del FAI Giovani per la sua attività”, commenta Barbara Marozzi, Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Savona. “Abbiamo accolto con entusiasmo tutte le loro proposte e ci siamo messi a disposizione per poter promuovere insieme queste iniziative di grande interesse culturale, per le quali ci auguriamo la massima partecipazione da parte del pubblico e, in particolare, dei giovani della nostra Città”.

Il programma prosegue venerdì 5 maggio alle 14.30, nella Sala Rossa del Comune quando, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Savona, si terrà la conferenza aperta al pubblico “Paros e il santuario di Apollo a Despotiko – La ricostruzione del tempio e dell’Hestiatorion”. Lo stesso giorno, alle 18.30, visita guidata – aperta al pubblico, a contributo libero – al Museo Archeologico del Priamar in corso Mazzini 1, alla presenza di Yannos Kourayos, direttore del Museo Archeologico di Paros e Sovrintendente delle Cicladi.

“L’idea della collaborazione tra istituzioni, FAI e ordini professionali per la realizzazione di questo programma di incontri nasce in particolare dall’esperienza personale di un volontario del FAI Giovani di Savona, che ogni anno partecipa insieme ad altri studenti delle università liguri agli scavi sull’isola di Paros. La presenza del Sovrintendente delle Cicladi sarà l’occasione per conoscere e apprezzare il Museo Archeologico come fulcro intorno al quale avviare un percorso di conoscenza, fruizione e valorizzazione del complesso monumentale del Priamar”, commenta Michele Buzzi, capo delegazione FAI di Savona.

“L’occasione può contribuire a valorizzare l’esperienza degli studenti che hanno partecipato alle varie campagne di scavo collaborando con professionisti provenienti da Germania, Austria e Grecia, marmorai, curatori di vari musei archeologici, fotografi, reporter e importanti finanziatori e personaggi famosi”, dichiarano Giacomo Airaldi, Presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Savona e Francesco Campidonico, Consigliere referente Commissione Cultura dell’Ordine degli Architetti. “L’archeologia, l’ingegneria, l’architettura e tutte le altre discipline scientifiche convergono straordinariamente nello studio dell’antico e devono saper dialogare fruttuosamente per conservare ciò che emerge e affrontare le sfide della sua conservazione”.