ORSO – Osservatorio rifiuti sovraregionale, il tempo stringe

A due settimane dalla chiusura della raccolta dati dei rifiuti urbani, prevista per venerdì 31 marzo 2017, il 35% dei Comuni non ha effettuato l’accesso al sistema Orso – Osservatorio rifiuti sovraregionale.

Una situazione che inizia a preoccupare, dal momento che questi numeri, opportunamente verificati e validati, saranno la base della delibera regionale di accertamento dei livelli di raccolta differenziata e del tasso di riciclaggio raggiunti nel 2016 da ogni Comune ligure.

Tale delibera è l’atto ufficiale che ridefinisce l’ecotassa e calcola gli importi dovuti dai comuni inadempienti. Il primo passo, uguale per tutti, è il raggiungimento del 65% di raccolta differenziata. Poi, l’avvio a riciclaggio e recupero del materiale raccolto in materia differenziata: il tasso fissato dalla Regione Liguria per il 2016 è di almeno il 45% (con l’eccezione di Genova, dove per il 2016 ci si accontenta del 40%).

La mancata compilazione rappresenta una inadempienza completa.
Arpal ha svolto diversi incontri di formazione sul tema, ed è a disposizione per chiarimenti scrivendo all’indirizzo censimentoru@arpal.gov.it.
Nel dettaglio, mancano al primo accesso 14 comuni in provincia di Spezia, 20 a Genova e Savona, 29 a Imperia. Si tratta di 85 comuni su un totale di 235.
Per accedere al sistema, basta collegarsi al sito di Arpal, sezione rifiuti, per essere indirizzati all’osservatorio sovraregionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*