Tornano ad Albenga i Quotidiana.com con un progetto unico dedicato alla città

Albenga. Come già annunciato, non solo spettacoli teatrali quest’anno per la decima stagione organizzata da Kronoteatro, ma molto di più. Nell’ottica di rendere sempre più partecipi e consapevoli gli spettatori, grazie alla disponibilità delle compagnie teatrali ospiti della Kronostagione 10, prendono il via i cosiddetti “focus”, ovvero percorsi di approfondimento che prevedono un doppio appuntamento a teatro e un laboratorio teatrale settimanale con gli attori, che per l’occasione vestiranno i panni di “docenti” per i cittadini accumunati dalla passione per la cultura e il teatro.

La prima compagnia che dà il via a questo esperimento sono i “quotidiana.com”, una coppia già nota al pubblico ingauno, composta da Roberto Scappin e Paola Vannoni.
Venerdì 17 marzo, allo Spazio Bruno, appuntamento con “Io muoio e tu mangi!”, secondo capitolo di “Tutto è bene quel che finisce”, trilogia iniziata con “L’anarchico non è fotogenico” al festival estivo Terreni Creativi 2016, che affronta il tema, estremamente attuale, dell’eutanasia.

“Io muoio e tu mangi!” è il rimprovero rivolto al figlio dal padre morente. Una riflessione affilata e malinconica sulla necessità di sollecitare una pietas collettiva che rinunci alla ferita dell’agonia, assecondando la richiesta di una dolce morte. Le quotidiane visite di una figlia al padre morente. Al ritorno lei trova ad attenderla il compagno che cattura con la videocamera il resoconto di un’altra giornata in geriatria. Le infermiere, le caposala, i pazienti assumono volti e modi grotteschi.

“Io muoio tu mangi!”, tratta l’argomento dal punto di vista prettamente medico ed è rappresentativo di quello che in Italia viene vietato in nome di principi, non per forza da tutti condivisi, che vanno contro i diritti dei cittadini stessi.

L’inizio della serata è previsto alle ore 19:30 con l’aperitivo in compagnia degli attori e del Presidente dell’Associazione Culturale Iniziativa Laica Ingauna, Piero Corradi, che parlerà del nuovo diritto ad Albenga: il registro del testamento biologico. Seguirà lo spettacolo e il dopoteatro con cibo e vino.

Da lunedì 20 al venerdì 23 marzo, gli attori di Quotidiana.com saranno impegnati con il laboratorio di drammaturgia “Santa Pazienza ovvero Dì qualcosa di sinistro”, che ha l’intento di avvicinare il pubblico al processo di creazione di una scena e solo successivamente circoscritta dalla scrittura. Il progetto nasce e si sviluppa sul concetto di base che essere interpreti oggi del teatro contemporaneo presupponga allo stesso tempo esserne autori e vuole dare quindi un input a coloro che fino ad oggi hanno vissuto il teatro solo da osservatori passivi.

Ultimo appuntamento venerdì 24 marzo, sempre allo Spazio Bruno, con il terzo capitolo “Lei è Gesù”, dove protagonista della scena è una donna che cerca di affermare la possibilità di ricoprire ruoli che per tradizione e consuetudine sono riservati agli uomini, opponendosi al potere del padre e paragonandosi alla figura di Gesù.