“Andata e Ritorno”: progetto educativo a Spotorno

Martedì 24 gennaio 2017, presso la Sala Conferenze di Opera Pia Siccardi Berninzoni, è stato presentato il Progetto Educativo “Andata e Ritorno” che coinvolgerà tutti gli alunni della Scuola Primaria di Spotorno e gli ospiti della Residenza Protetta Opera Pia Siccardi Berninzoni .

Il Progetto educativo “Andata e Ritorno” vuole creare uno spazio condiviso in cui i bambini della Scuola Primaria di Spotorno e gli anziani della Residenza Protetta possano trovare un linguaggio comune mentre svolgono diverse attività educative.

Le attività, che coinvolgeranno a rotazione tutte le classi dell’Istituto, inizieranno il 7 febbraio 2017 per concludersi a giugno 2017 con la realizzazione di una mostra fotografica ed una raccolta di tutto il materiale realizzato.

“Abbiamo progettato questa iniziativa insieme alla Dirigente Scolastica Prof.ssa Zanchi – afferma l’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Spotorno Davide Delbono – e l’abbiamo finanziata tramite l’integrazione al Piano di Offerta Formativo dell’Istituto Comprensivo. Con questo progetto si vuole favorire la condivisione di conoscenze e competenze tra due generazioni che sembrano tanto distanti tra loro, scoprendo così affinità e integrando le differenze, e riscoprendo il valore della trasmissione orale dei ricordi e delle tradizioni, in un clima di comprensione e rispetto reciproco.” “Inoltre – continua la dott.ssa Maria Chiara Garofalo pedagogista che coordinerà il progetto – si intervisteranno gli anziani per saperne di più sui loro mestieri e sulle abitudini e usanze dei loro tempi, verrà seminato un terreno e si farà poi la raccolta, saranno messe a confronto le ricette preferite di ieri e di oggi, si faranno dei laboratori manuali e si confronteranno le abitudini e gli oggetti legati alla scuola di oggi con quelli di ieri.”

“Collaborando con l’Istituto Comprensivo – conclude Marina Bussolini responsabile delle attività sociali dell’Opera Pia Siccardi Berninzoni – potremo offrire agli ospiti della Residenza momenti di socializzazione con il mondo esterno e con un’altra generazione, capaci di migliorare la loro qualità di vita e favorire anche il recupero di abilità manuali, sensoriali e mentali.”