Alieni e ispettori sotto le torri: narrativa e musica ad Albenga con Maurizio Pupi Bracali e Davide Geddo

Sabato 17 dicembre ci sarà ad Albenga la presentazione del nuovo romanzo giallo dello scrittore cerialese Maurizio Pupi Bracali con protagonista l’ispettore Calcagno (l’undicesimo), ambientato come sempre nella nostra zona tra il mare e l’entroterra e tra i caratteristici borghi e la costa del ponente savonese, dal titolo “La seconda vita” edito da Edizioni del Delfino Moro.

Alla presentazione, che si svolgerà a Palazzo Scotto Niccolari, in via Medaglie d’Oro, 7 alle ore 17.00 parteciperanno il cantautore Davide Geddo che a sua volta presenterà il suo ultimo CD dal titolo “Alieni” (che tra le varie canzoni che contiene ne propone una ispirata proprio dalla lettura dei romanzi gialli di Bracali), il blogger e scrittore Alberto Calandriello (Il Cala) che intervisterà i due autori di questi lavori tra musica e narrativa, e l’attore e regista Mario Mesiano che leggerà alcune pagine del libro.

*Davide Geddo, CD “Alieni” (2016): vedi la recensione Corsara di Alfredo Sgarlato, Geddo vs Gli Alieni 

**“La seconda vita” – «L‘ispettore Calcagno è tornato! Ancora una copertina-bracali-la-seconda-vitavolta il politicamente scorretto poliziotto ligure si muove sornione e indisciplinato tra la costa e l’entroterra del ponente savonese affiancato dall’amico e collega Rossetti indagando su due diverse inchieste parallele che confluiranno in un unico finale coinvolgendo tutti i vari personaggi del romanzo. Una storia di ricatto di cui sono vittime alcune donne e la morte accidentalmente misteriosa di un piccolo scrittore di provincia sono i due capi dell’ingarbugliata matassa che il poliziotto avrà il compito di sbrogliare. Filosofeggiando su chi e quanti potrebbero vivere una seconda vita nascosta agli occhi di tutti e analizzando la psicologia dei personaggi che lo circondano Calcagno giungerà a inaspettate conclusioni e a rivelazioni sorprendenti». (***Nella copertina: “Penitenza di Maria Maddalena” acquarello di Giannina Caffa ispirato all’affresco omonimo di Nino Silvestri nel frontone dell’Oratorio dei Disciplinanti di Castelvecchio di Rocca Barbena)